Fine dell’anno scolastico

E siamo arrivati ormai alla fine dell’anno..di un anno educativo molto particolare…che ci ha lasciati tutti spiazzati per non aver potuto riprendere e poterlo concludere. Ma la maggior parte del mondo educativo e’ consapevole del fatto che quando si potrà ricominciare lo si farà in modo nuovo e con più energia. Certo sta lasciando parecchio vuoto la chiusura delle scuole e degli asili.  I bambini piccoli possono manifestare segni di insofferenza e regressione (nel linguaggio e nell’atteggiamento da un punto di vista relazionale) i più grandi invece possono darci altri segnali tra cui la non voglia di uscire e l’isolamento un po’ per paura, un po’ perché si sono abituati a questa nuova situazione anche se forzata.

  • Se le strutture dei vostri bambini organizzano un saluto di fine anno (in sicurezza) sarebbe davvero un’ottima occasione per rivedere i compagni e le maestre!
  • Se siete pro centri estivi dal 15 Giugno per i bambini dai 3 anni in sù vi è la possibilità di riprendere un po’ di socializzazione guidata
  • Capiamo la situazione, per aiutare i bambini evitate di chiedere “ti va il centro estivo?” Dopo tanto tempo insieme è molto difficile a livello emotivo decidere se lasciare i genitori o meno. Decidete voi adulti e poi insieme vi preparate (ma su questo punto scottante torneremo,promesso!..)

 

L’importanza delle realtà educative nelle prossime fasi

 

Se nella prima fase – emergenziale- gli asili e le scuole sono stati giustamente chiusi, ora è urgente pensare e immaginare per le fasi successive come poter aprire, a quali condizioni,garantendo sicurezza in primis, rispettando le procedure sanitarie ma provando anche a salvaguardare il benessere psicofisico di tutti i bambini e delle relative famiglie degli ambienti educativi da cui erano tenuti in mente. Sembra poco ma non è così. Iniziare ad immaginare che i bambini possano uscire e riappropriarsi del mondo circostante anche se in piccoli gruppi potrebbe essere una bel pensiero. Quantomeno è importante pensare ad una ripresa, poiché avere un obiettivo è più facile anche da spiegare ai piccoli. Invece sappiamo che vivere questa dimensione sospesa è più complicato e frustrante. Auguriamoci tutti che anche l’infanzia con le sue esigenze possa essere ricordata e presa in considerazione più seriamente. Confidiamo nei progetti pilota e nella varie possibili alternative in grado di far tornare anche i bambini a scuola e all’asilo e dare un po’ di meritato respiro ai genitori che da due mesi si prendono cura H24 dei loro figli.

Quando si tornerà a Scuola? Come rispondere

Quando si tornerà a scuola? Immaginiamo tanti tantissimi bambini stiano facendo questa domanda ai loro genitori, anche più volte al giorno. Anche solo così, tanto per chiedere, per noia. Piu’ che altro per tornare ad avere una certezza,un obiettivo. E non è poco. Ci piacerebbe poterli accontentare e offrire loro una risposta positiva e rassicurante ma temiamo invece di dover rimandare. Però nonostante tutto diamo loro una risposta e una spiegazione a seconda dell’età che hanno. Anche se si tratta di bambini piccoli vi garantiamo che sono in grado di intuire il senso generale e per questo motivo occorre parlare e raccontare loro sempre la realtà che ci circonda. “Non dire loro nulla perché potrebbero rimanerci male, o esserne delusi” non è utile, anzi controproducente per tutte le fasi di crescita. Quello che possiamo fare è: parlare e raccontare ai bambini che si tornerà presto a scuola, al nido e all’asilo ma che occorre ancora del tempo per essere completamente sicuri. Rassicurare loro che tutti i loro compagni e amici sono a casa. Non riguarda solo loro, ma tutte le persone che conoscono. (Fare un lungo elenco all’occorrenza può essere un modo per coinvolgerli in modo attivo i piccoli e sentirsi meno soli. Sapere che tutti, ma proprio tutti sono a casa, dai compagni alle maestre, dal cuoco al portinaio è importante per far capire loro che si tratta di un problema che riguarda Tutti.)

Spannolinamento a casa..

Potrebbe essere utile e funzionale approfittare di questo lungo periodo a casa per iniziare a togliere il famigerato pannolino e prendere confidenza con un nuovo (e talvolta temuto) oggetto: il water. Per fare ciò occorre: una quasi infinita dose di pazienza, caratteristica fondamentale per affrontare questo passaggio che per i piccoli  è molto significativo. In questi giorni potete:

  • raccontare al bambino questa nuova attività per prepararlo mentalmente (la lettura di un libro che affronta questa tematica può essere molto utile)
  • togliere (10 min- 20 min e via via si aumenta) il pannolino, giocare, e poi andare in bagno e prendere confidenza con il water/vasino.
  • anche se il bambino sta sul water/vasino senza fare pipì sarà comunque una prima occasione per imitarvi e sentirsi grande (leggendo un libro,giocando con bambole o orsacchiotti ecc.)
  • evitiamo di sgridare o sminuire il bambino in caso di pipì addosso anche se ciò dovesse avvenire in modo ripetuto
  • evitiamo di chiedere continuamente al bambino “ti scappa la pipì?”. È molto difficile riuscire a controllare il processo sfinterico soprattutto nel primo periodo
  • raccontare che anche noi da piccoli abbiamo tolto il pannolino – abbiamo sbagliato parecchie volte e poi abbiamo capito – è rassicurante per chi invece è disorientato
  • a noi piace il vasino educativo di Nuby. Lo conoscete? Si tratta di un vasino che è studiato appositamente per offrire un passaggio più graduale dal pannolino al water. È apprezzato dai piccoli perché assomiglia al water dei grandi ma non essendo così grande, non trasmette ansia o paura. È utile per iniziare il passaggio in modo divertente, evitando di entrare in soggezione con un oggetto che talvolta intimorisce.

 

 

La ripresa..

 

Tornare e riprendere la quotidianità dopo la  pausa natalizia è sempre dura per tutti! Prepariamoci e prepariamo il resto della famiglia al rientro che ci attende, alla sveglia mattutina, all’eventuale traffico..Preparare i bambini è sempre utile per cercare di evitare o contenere eventuali possibili pianti al momento del distacco oppure se sono in età scolare i classici mal di pancia dovuti all’ansia da prestazione nel tornare tra i banchi. La preparazione consiste nel tornare a pensare a ciò che ci aspetta senza però troppa ansia e insofferenza. Riuscendo a valorizzare ciò che di bello ci attende. Raccontate ai bambini i vostri ricordi di quando non volevate andare a scuola e le reazioni dei vostri genitori, fa’ sempre piacere sapere di non essere gli unici a non avere voglia! Preparate la sacchetta o la cartella con cura (facendo in modo che possano essere loro ad organizzare e pensare all’occorrente) per sentirsi parte attiva nella gestione della nuova routine post natalizia.

 

 

 

Buon 2020 a tutti!

Buon 2020 a tutti! Che sia un anno il più possibile sereno e di pace. Auguriamo a tutti voi grandi e piccoli nuove conquiste e obbiettivi da raggiungere per cercare di renderci persone migliori. Più empatiche e attente agli altri, più fresche e dinamiche con una mentalità aperta e flessibile capaci di stare un po’ con tutti senza scappare da noi stessi. Che sia un buon anno fatto di buon tempo (non tanto in senso metereologico) piuttosto dedicato alle relazioni, alla capacità di creare legami nuovi e di saper trascorrere dei giorni pieni con i vostri bambini: per fare in modo che possano trasformarsi un giorno in ricordi e vissuti forti da tenere con sè.

Semplicemente Buon Anno!

Che regali fare ai bambini..

 

“Che regali fare al mio bambino?” È una delle domande più frequenti di questo periodo che ci viene fatta dai genitori ma anche da nonni e amici interessati. Ovviamente a seconda dell’età offriamo le relative proposte. Se si tratta di bambini piccoli pensate a regali che possano offrire uno spunto sensoriale adatto come ad esempio i giochi in legno, i libretti tattili, gli incastri, le costruzioni, ovvero giochi che conservano e migliorano la capacità creativa del bambino. Se hanno già un’età compresa tra i 15 e 24 mesi anche una semplice cucinetta per imitare i genitori che cucinano e sfamare bambole e orsacchiotti rappresenta da sempre un’opzione molto gradita. Oppure un treno con binari in legno da montare. Se si tratta di bambini dai 36 mesi in su, l’idea di un tavolino con seggiolina per disegnare e ‘lavorare’ è molto importante anche laddove non si ha a disposizione molto spazio. Il tavolino come la scrivania da adolescenti rappresenta uno spazio mentale per divagare,costruire mondi paralleli, e poter inventare storie. Un libro resta dal nostro punto di vista psicopedagogico un regalo sempre valido e utile per tutte le età, sia per chi ne è appassionato sia per i più pigri che fanno fatica! In ogni caso facciamo sempre emergere il pensiero che sta dietro al regalo: l’aspetto più importante da conservare e da non buttare con la carta che lo avvolge!

Aspettando Babbo Natale: i preparativi

 

Il mese di Dicembre è forse, in termini di atmosfera,il più ricco e fantasioso! E tra tutte le cose da fare non può mancare la tradizionale letterina a Babbo Natale! Perche’ non prendere un foglio grande di carta da pacco e preparare insieme una busta gigante dove riporvi la lettera? Perche’ soprattutto non provare a suggerire ai bambini di scrivere qualche idea regalo a Babbo Natale, poi farà lui il suo lavoro come potrà..cosi’ facendo li si aiuta capire che possono scrivere qualche opzione, non una lista infinita di regali come se fosse una lista della spesa! Sarebbe interessante, per coloro che sanno già scrivere, e quindi fare un ragionamento più complesso, indicare anche la motivazione per quel regalo nello specifico “vorrei tanto questo nuovo gioco perché..”. È importante che possano imparare a gestire l’attesa in un mondo dove sono invece abituati ad avere tutto e subito…no?!

Quando torni?…

Post dedicato a tutte le famiglie che conosciamo e non che hanno mamma o papà che lavorano lontano e devono assentarsi da casa per uno o più giorni. Partire non è mai facile in particolare partire per lavoro e dover lasciare a casa un pezzo di famiglia. A seconda dell’età del bambino suggeriamo sempre di inventare un rituale che aiuti il piccolo a capire di che momento si tratta,per fare in modo che non si senta solo,abbandonato o tantomeno tradito. Sappiamo che è difficile ma se potete evitate di promettere regalini e sorprese, il miglior regalo è il tempo trascorso insieme (tra un’andata e un ritorno) utile per immaginarne un altro e un altro ancora. Per i piccoli è importante la stessa canzoncina o filastrocca mentre invece per i più grandi un libro che affronta il tema del distacco e un cartellone (fatto insieme costituisce un prezioso ricordo) con un orologio o immagini che scandiscono il tempo. Non preoccupatevi se non volessero partecipare alle videochiamate, è un momento intenso di emozioni difficile da gestire. Al ritorno andategli incontro e raccontategli quanto vi sono mancati!!!.

Organizzare la ripresa…

Settembre è il mese per antonomasia della pianificazione e dell’organizzazione familiare. Iniziare l’anno educativo in modo organizzato e strutturato è un buon aiuto a livello mentale. Può essere utile per avere la situazione sotto controllo e riuscire a gestire e contenere meglio anche lo stato di ansia e preoccupazioni legate ai figli. Un inserimento all’asilo o l’inizio della primaria o di un nuovo ambiente scolastico è sempre fonte di agitazione,stress e un po’ di paura legata al cambiamento. Come adulti è fondamentale essere consapevoli di questi stati d’animo e provare (diciamo provare poiché non è sempre facile) a non trasmetterli né proiettarli sui bambini, che saranno già direttamente coinvolti in questa nuova avventura educativa che li attende.