“C’ e’ sempre un nido per me”…

Mammechefatica è lieta di presentarvi un libretto molto speciale: “C’è sempre un nido per me” (Giunti Progetti Educativi) di T.De Camillis e T. Zaccariello con i disegni di Nicoletta Costa; è una storia pensata per raccontare e affrontare il tema dell’ adozione ai piccoli. “Tutti i bambini per nascere e crescere sani e felici hanno bisogno del seme che dà la vita, dei particolari che li rendono unici e di una famiglia che si prenda cura di loro, proprio come l’ albero, per vivere bene ha bisogno del seme, delle radici, del tronco, della chioma, dell’ acqua e del sole”.

Ci piace perché: è semplice, chiaro e pensato per i piccoli alle prese con domande importanti che hanno bisogno di tempo per essere interiorizzate. Alla fine del libro trovate delle informazioni preziose rivolte ai genitori: come raccontare la nascita e l’ adozione al piccolo? Che risposte dare alle sue continue domande?

E’ fondamentale affrontare queste fasi trasmettendo al bambino affetto e un grande rispetto, invitiamo sempre i genitori adottivi a seguire il percorso di accompagnamento con l’ équipe di psicologi che si prende cura della nuova famiglia, per affrontare in modo più sereno e senza ulteriori traumi l’ambientamento del piccolo. 

 

 

 

Sabato a Roma…

Mammechefatica invita tutti Sabato 16 Aprile a Roma presso il Cesv per la presentazione del libro: “Follia del  Nucleare” Ed. Mimesis. Il libro scritto a più mani da vari autori come Alfonso Navarra, Lugi Mosca e Mario Agostinelli, include anche un contributo del Nostro Papà! E quindi ci fa molto piacere segnalarlo!!!

Gli autori affrontano una “riflessione critica sul problema nucleare (detto mediaticamente atomico) nei suoi multiformi aspetti tecnici,sociali e politici”. 

L’incontro è gratuito. E’ possibile anche acquistare direttamente le copie per chi fosse interessato. 

Vi aspettiamo!

Sabato 16  Aprile dlle ore 10.00 alle ore 13.00  presso il Cesv in via Liberiana 17,zona  Santa Maria Maggiore, Roma.

 

 

 

Il significato del lupo a seconda dell’ età…parte prima

Lupo LupettoIl gioco del lupo per un bambino acquisisce diversi significati a seconda dell’ età. La scoperta del lupo avviene solitamente intorno ai 24 mesi o poco prima. All’ inizio può incutere timori e paure, e anche solo l’immagine può scaturire ansie e pianti improvvisi. In questo caso l’adulto ha il compito di rassicurare il piccolo infondendo fiducia e facendogli capire che si tratta di una semplice figura (ad esempio possiamo commentare: “Se ci fa tanta paura proviamo a metterlo via insieme? Magari lo rivediamo domani che è un altro giorno”. Così facendo accogliamo le ansie e le preoccupazioni del piccolo senza sminuirle).

Dai 18 mesi in su Mammechefatica consiglia il bel libro: “Lupo lupetto che cosa mi metto?” Ed. Gribaudo di Eléonore Thuilliere. 

Ci piace perché: si tratta di un libro semplice, colorato ma soprattutto interattivo: chiede al bambino di allacciare le stringhe, vestire il lupo, tirare su la cerniera, sistemare i bottoni etc..riprende il concetto montessoriano “aiutami a fare da solo”. Troviamo sia un ottimo modo per iniziare a capire come funzionano certi meccanismi misteriosi..( i lacci delle scarpe tanto per cominciare o le asole dei bottoni..) Rappresenta un tentativo di illustrare un lupo buono e simpatico. Da utilizzare anche come lettura animata con più bambini oppure in solitaria per i primi momenti di autonomia. 

Buona lettura!

 

 

 

 

L’ultimo libro di Francesco Abate

Ecco un libro che vi farà ridere, riflettere e magari commuovere, immedesimandosi totalmente nella vostra storia personale che inevitabilmente si intreccia con quella raccontata dall’autore: “Mia madre e altre catastrofi” di Francesco Abate (Einaudi Stile Libero, 152 p., 16€).

Di cosa tratta: della descrizione di una madre piena di contraddizioni, ma per questo vera e autentica. Mirella è un’insegnante, vedova a 50 anni, che deve fare i conti con il fatto di crescere da sola il figlio Checco.

A noi piace perché: racconta in modo ironico, a volte dolcissimo o cinico, ma senza “sviolinate” inutili, il rapporto tra madre e figlio dall’infanzia fino a all’età adulta, passando attraverso le varie avversità che la vita gli pone davanti.

MammeCheFatica lo consiglia perché: i dialoghi sono irresistibili e non si può non ritrovare una parte di sé e del proprio legame con la figura materna in queste immagini descritte così bene dall’autore.

“Un bacio”, un film sul bullismo e l’omofobia

un-bacio-poster-ufficialeIl 31 Marzo esce nelle sale il film “Un bacio” di Ivan Cotroneo, tratto dal suo libro edito da Bompiani. Si tratta di un film sull’adolescenza, un’età di passaggio, critica, ma allo stesso tempo meravigliosa. In questa fase evolutiva i ragazzi fanno molte esperienze positive e negative e l’amicizia è l’ancora di salvezza per molti. Un film che dà speranza, che aiuta i tanti ragazzi vittime di coetanei bulli ed omofobi ad uscire dalla solitudine, chiedere aiuto e reagire alle violenze fisiche e psicologiche. In questi giorni il film è visto in anteprima da molti ragazzi, i veri destinatari della pellicola, che ne stanno commentando positivamente il messaggio ottimista. Non vediamo l’ora di vederlo anche noi, che, in consultazione, incontriamo spesso ragazzi emarginati, fragili e famiglie impotenti, bisognose di aiuto.

Cari Genitori, la migliore arma contro le ingiustizie è la prevenzione e la cultura del rispetto e della tolleranza delle “diversità”: fate vedere il film ai vostri figli!

p.s. La colonna sonora è di Mika! 🙂

Che rabbia!!

che rabbiaGiovedì 10 Marzo alle ore 17, Marta Stella Bruzzone, pedagosista di Mamme Che Fatica , vi aspetta per una divertente lettura animata gratuita del libro “Che rabbia”  di Babalibri editore presso la nuova Libreria Verso a Milano in Corso di Porta Ticinese, 40. Età consigliata: 2-6 anni… Tutti pronti ad affrontare le rabbie più grandi??!!

“Ho due mamme”

libroOggi parliamo di un libro – “Ho due mamme” di Panzini e Kramer, ed. Terranuova, 10,20€, Circuito SomeFamilies.net che a nostro avviso è un utile strumento per spiegare e raccontare ai bambini piccoli i nuovi modelli di famiglie: due mamme o due papà, mamme single, mamma & papà. Il post non ha l’ obbiettivo di dare pareri (in fondo cos’ è giusto e cosa è sbagliato? Rispetto a cosa poi?), piuttosto di aiutare gli adulti a parlare liberamente di queste tematiche senza problemi.

Perchè ci piace: il libro inizia con il racconto della nascita di Milo, il protagonista. Dal nostro punto di vista ci sembra importante che venga raccontata la storia della nascita del piccolo sottolineando il clima di armonia e felicità, come in ogni famiglia appunto. Bella la nota iniziale: “Comprate una copia per il vostro bambino e una da regalare a scuola o in Biblioteca così insieme potremo educare bambini e genitori e la società al rispetto e alla differenza e rendere il mondo un posto migliore”

Speriamo di avervi incuriosito almeno un po’!!

Come addormentare il mio bambino?

coniglioForse lo conoscete già, ma ni lo abbiamo scoperto da poco..ci stiamo riferendo al libro che fa addormentare bambini (e adulti, a detta dell’autore): “Il coniglio che voleva addormentarsi: un nuovo modo di far addormentare i bambini” di Carl Johan Forssen Ehrlin, psicologo svedese (26 pag., Amazon).

Di cosa si tratta: di un best seller che spiega una nuova tecnica di addormentamento per i bambini, testata anche sugli adulti, in particolare sugli anziani. Infatti l’autore racconta di aver avuto l’idea accorgendosi di aver fatto addormentare la madre durante un viaggio in macchina. Riflettendo sulla modalità del racconto e sul contenuto ha sviluppato una fiaba per far addormentare anche le “pesti” più tenaci.

A noi piace perchè: nella prima parte è ricco di consigli circa la tecnica del racconto (ad esempio intervellato da sbadigli o aumenti/dimunzioni del tono di voce). Contemporaneamente nel libro vi sono delle figure adatte anche ai bambini più piccoli per coinvolgerli al meglio.

MammeCheFatica lo consiglia perchè: non è un libro che pretende di fare magie, ma con professionalità, sensibilità e un pizzico di ironia si avvicina non solo al mondo dei più piccoli, ma anche a quello dei genitori, spesso devastati da notti insonni e dall’ utilizzo di tecniche non adeguate.

Aspettando Willy Wonka e la Fabbrica di Cioccolato!

fabbrica di cioccolatoMammeCheFatica invita tutti i bambini a partecipare alla grande festa in onore del personaggio di Willy Wonka e la Fabbrica di Cioccolato scritto dal celebre R.Dahl.

Un personaggio davvero speciale tra storie giochi e canzoni da imparare! In compagnia di Willy Wonka, alla scoperta del Cioccolato, per un mondo goloso e incantato!

L’evento è organizzato in collaborazione con la Scuola Dada’ e Coop Lombardia e aperto a tutti i bambini!

Vi aspettiamo Sabato 12 Dicembre dalle 16.30-18.30 presso la Scuola Dada’ a Milano.

Contributo: 15€ a bambino (fratello 8e)

(*la quota include: assicurazione-animazione-golosa merenda-gadget)

Info e prenotazioni: nido.dada@libero.it  cell. 366 789 1314

Uff. Stampa e Comunicazione: paola@paolaprandi.it

Vi aspettiamoooooo!!!!!!!

 

 

 

 

“TOC TOC”

toc tocQualche giorno fa a Roma c’è stata l’inaugurazione del nuovo flagship store Pinco Pallino. I bambini presenti sono stati intrattnuti da una bella lettura animata del libro “TOC TOC” edito da Donzelli e scritto da Kaori Takahashi (24 pp. 13,50€)

Di cosa si tratta? Di un libro magico, una sorta di libro-scatola da costruire e creare a proprio piacimento, dove ogni pagina ne nasconde un’altra e si srotola come la fantasia dei bambini intenti a leggerlo.

Perchè lo consigliamo? Perchè parla di una bimba alla ricerca del suo orsetto perduto. Purtroppo è sparito e non si riesce a trovare da nessuna parte..allora prova a suonare a tutte le case del palazzo fino all’ultimo piano incontrando personaggi nuovi  e simpatici.

A MammeCheFatica piace perchè: il formato è assolutamente originale, il libro è illustrato bene e incuriosisce molto i bambini dai 3 anni in su.

Buona lettura!