Cosa dire ai piccoli se si torna all’asilo o meno…

 

Le domande più frequenti che ci state porgendo in questi ultimi giorni crediamo possano essere utili ai genitori che hanno bambini che appartengono alla fascia 0-6 della prima infanzia. Cosa dobbiamo dire quindi ai bambini che ci chiedono quando riapre l’asilo? Quando rivedrò le mie educatrici o maestre? Quando potrò giocare con i miei compagni? Ma soprattutto cosa rispondere ai piccoli che ci chiedono se il Coronavirus e’ ancora in asilo?!

  • Sicuramente è importante offrire risposte chiare e sincere 
  • occorre spiegare che tutti noi non vediamo l’ora di tornare a scuola e in ufficio ma se non è ancora possibile è per proteggere la salute di tutti noi
  • probabilmente il Coronavirus è ancora in asilo magari nascosto tra i vari giochi e quindi è importante un’accurata pulizia prima di potervi tornare
  • nell’attesa di sapere se e quando sarà possibile tornare perché non preparare un disegno per tutta la classe? Oppure uno personalizzato per ogni compagno?
  • spiegare ai bambini come stanno le cose non significa identificare la mamma o il papà come cattivi perché ci pongono dei limiti ok? questo punto è fondamentale per attivare un dialogo e un rapporto autentico fin da piccoli
  • evitate di dire ‘ci vuole pazienza’ perché è un termine poco apprezzato dai bambini, e dopo quasi tre mesi di lockdown la pazienza è giusto che non ci sia più!
  • valorizzate le loro aspettative: “vorresti tornare? Ah sì e come ti immagini la maestra con la mascherina, avanti raccontami sono curiosa!?'”

Si riparte? Come?

Segnali di ripresa che ci fanno ben sperare ma attenzione a non trascurare il discorso sicurezza attorno al quale deve girare tutto il resto. Se le scuole dell’infanzia e gli asili nido dovessero riaprire occorre necessariamente pensare in modo pratico e funzionale a come potrebbe svolgersi la vita quotidiana con i bambini piccoli. In questa fase di incertezza è importante pensare di avere regole e limiti chiari entro i quali muoversi e far muovere di conseguenza i piccoli, non potendo dimenticare il senso di responsabilità che deve sempre essere al primo posto. Ahimè prima del valore del gioco e di tutto il resto!. Chi lavora in questo campo è dotato di coraggio e di ottimismo ma non bastano come ingredienti ad infondere quel senso di sicurezza e fiducia che i genitori e i bambini vanno cercando. Occorre ripensare ad un nuovo modo di giocare ed educare in grado di conciliarsi con questa situazione. Deve essere un’occasione unica per portare dei cambiamenti anche nelle prospettive educative e fare spazio a nuovi modi di essere e di fare. Non solo con i bambini ma anche nell’alleanza insegnanti-genitori. Che dite siamo pronti?!