Paura del water nel bambino

Come tutti i passaggi anche quello dal pannolino al water può essere lento, talvolta complesso, altre volte faticoso (non solo per l’adulto che deve continuamente cambiare e pulire il bambino, ma anche dal punto di vista del bambino stesso, che in qualche modo deve accettare questa frustrazione). Di seguito vi scriviamo qualche suggerimento che solitamente diamo alle mamme che ci chiedono in studio e nei vari nidi come affrontare questa fase.

  • prendete tempo, dimenticate la frettanon importa se poi andranno alla materna. Avete ancora del buon tempo per migliorare e affinare la tecnica.
  • evitate di sgridare o riprendere il vostro bambino e di assillarlo (si ottiene l’effetto contrario).
  • valorizzate i miglioramenti e gli aspetti positivi anche se ne ve ne sono pochi (i bambini hanno bisogno di fiducia e coraggio).
  • cambiate tono della voce (parlate loro sottovoce quando dovete proporgli di andare in bagno).
  • Accettate che prima possa imparare a fare la pipì e poi col passare del tempo accetterà anche di fare la cacca (date a quest’ultima tanto tempo, poiché per un bambino è più semplice e rassicurante rifugiarsi nel pannolino piuttosto che esporsi e rischiare persino di cadere dentro quel grande buco che i grandi chiamano water. 
  • Responsabilizzate il vostro bambino: dategli dei compiti da fare anche in bagno (dei libretti ad esempio) Deve quasi essere contento di stare in bagno seduto sul trono come fanno i grandi e progressivamente acquisire naturalezza e sicurezza.  Sul blog trovate numerosi post a riguardo.

Facciamo chiarezza: cos’è l’autoerotismo infantile?

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza..
Di cosa si tratta? Dai tempi di Freud sappiamo che anche i bambini hanno
una loro naturale sessualità che si sviluppa in diversi fasi (orale, anale, fallica per poi diventare genitale).
Perché agli adulti fa così paura questo concetto? I grandi come sempre aggiungono significati maliziosi, adulti, incompatibili con la genuinità dei bambini. In realtà anche i più piccoli in modo assolutamente sano e naturale esplorano il loro corpo, si toccano e delle volte scoprono che alcuni movimenti procurano piacere e dunque li ripetono, soprattutto in quelle situazioni di “vuoto”, noia, ansia o malinconia.
Quando questo comportamento nasconde qualche disagio nel bambino? Quando dura a lungo e l’intensità pare così eccessiva da distrarre totalmente il bambino da qualsiasi altra attività per lui piacevole.
Cosa fare quando capita di frequente? Avvicinarsi al bambino e con tono molto dolce e comprensivo dirgli che non c’è nulla di male nel farlo, ma che è una cosa talmente intima che va fatta in un situazione di privacy: in bagno o nella propria cameretta, non davanti a tutti. Anche distrarlo proponendogli un’ alternativa può essere efficace.
Cosa non fare assolutamente? Sgridare il bambino e farlo sentire in colpa, metterlo in castigo, commentare la cosa con altri in sua presenza, farsi vedere imbarazzati.

 

Il potere delle vacanze!

 

Continuano i giorni di festa..almeno per i bambini.. che aspettano anche i regali della Befana già che ci sono! Se riuscite, tra tutto quello che avete organizzato e pensato, tenete un po’ di spazio per il “il dolce far niente” crediamo faccia bene, non solo ai bambini, ma anche agli adulti che devono poter staccare anche se sappiamo bene che con i figli piccoli non si stacca mai in realtà. Giocare e trascorrere un po’ di tempo in casa senza orari e scadenze è un vero toccasana di questi tempi! I bambini, specie se piccoli, hanno tanto bisogno non solo di voi genitori, ma del vostro tempo. Fate scorta di storie, canzoncine, burattini, travasi semplici e tutto quello che la vostra fantasia e creatività vi offre. Vi garantiamo, per esperienza,che si tratterà dei migliori regali che farete ai vostri figli. 

Auguri & Buone Feste da Marta & Sara di MammeCheFatica

Come trasmettere il piacere del cibo..

Il piacere del cibo va coltivato fin da piccoli e fa parte di un discorso più ampio e delicato legato alla relazione e al rapporto materno. Non tutti i bambini da piccoli trovano piacere nel cibo, anzi lungo il nostro percorso ne abbiamo incontrati tanti che riscontravano difficoltà durante il momento del pranzo. Vediamo insieme come fare per affrontare nel modo più sereno e naturale possibile questa dinamica che se vissuta male porta il piccolo a rifiutare il cibo proposto e il genitore a trovare strategie per sperare che riesca a mandar giu’ almeno un boccone. Per cominciare provate a parlare al piccolo del piacere di sperimentare gusti e sapori nuovi durante la giornata, non solo durante il momento specifico del pasto. I bambini anche se piccoli percepiscono il senso generale. Provate, anche se sarà difficile all’inizio, a creare un ambiente facilitate, con poche distrazioni, per valorizzare il cibo e più ancora il momento del pasto come rituale caratterizzato da affetto e amore. Provate a dare loro anche solo un cucchiaino (che puntualmente sbatteranno sul seggiolone o butteranno a terra). E’ bene che anche loro possano avere un oggetto simile al nostro e che possano anche toccarlo e manipolarlo con le loro manine prima di portarlo alla bocca.

 

E ora.. facciamo pace?

Mammechefatica invita i genitori di figli piccoli e non a prendere l’iniziativa di ‘fare pace’ dopo aver attraversato un momento di discussione con i propri figli. A maggior ragione se si tratta di figli pre o adolescenti ci sembra un atteggiamento saggio da tenere. E’ importante che anche i figli si rendano conto e abbiano l’occasione di vedere un genitore che dopo lo scontro aperto è pronto a tendere la mano. E’ un gesto forte, ma non significa rassegnarsi o menchemeno assecondare le richieste del figlio, piuttosto cercare di vedere lo scontro da altri punti di vista e provare insieme a trovare un compromesso, qualsiasi sia il problema. I figli devono capire i limiti posti dai genitori, ma devono comunque sentirsi protetti e rassicurati, indipendentemente dal motivo di disappunto.

Quindi discutete e litigate ma con cognizione di causa….Ricordatevi che la riparazione del legame tra adulti e figli è più importante della sincronia affettiva (come ci ha insegnato il grande E. Tronick).

Utilizzate il tempo dell’estate per..

Se dovessimo stilare una sorta di lista di buoni propositi per questa estate diremmo: prima di tutto riposatevi. Riposate la mente stanca e ingombra di pensieri. Annoiatevi insieme ai vostri bambini o nipotini. La noia deve esserci anche per gli adulti non solo per i bambini. Sfruttate le belle giornate per fare lunghe passeggiate. Camminare e’ sempre un’azione rilassante e defatigante per tutti. Approfittate del tempo a disposizione per giocare e osservare i vostri bambini crescere giorno per giorno. Organizzate con loro una gita, un picnic, un qualcosa di diverso dal solito che possa trasformarsi nel tempo in un piacevole ricordo d’infanzia. Leggete insieme e raccontate qualche storia, se sono più grandi invece commentate insieme le tristi notizie della cronaca. E’ importante che sentano prima da voi in famiglia cosa accade nel mondo in una modalità adeguata e filtrata da voi.

Buon relax a tutti!

 

 

 

 

Uff..che noia!!

Avete mai sentito pronunciare queste parole dai bambini di oggi? Noi molto poco, purtroppo. Sapete perché? Perché ormai non permettiamo a nessuno di avere anche un piccolo momento di “nulla facenza”; il vuoto ci spaventa. Così come noi adulti mentre aspettiamo l’autobus o siamo in viaggio da soli tiriamo fuori il cellulare, così offriamo ai bambini qualsiasi tipo di stimolo pur di non farli annoiare, altrimenti.. Altrimenti?? Potrebbero perdere la pazienza, piangere, infastidire, dimenarsi ecc…ma è proprio un sentimento così negativo la noia? Assolutamente no, perché dal non far niente nasce la creatività, il pensiero. Quando abbiamo tutto e non ci manca nulla non abbiamo la necessità di fantasticare, di inventare o di sognare ad occhi aperti. Dunque, permettiamo anche ai più piccoli di tollerare la frustrazione della noia e del non saper cosa fare in modo che possano creare un nuovo gioco o delle nuove storie: così facendo li aiuteremo nella crescita.

W il dolce far niente (soprattutto in questi ultimi giorni di vacanza)!

Bullismo:come prevenirlo

Galleria

Questa galleria contiene 1 foto.

  Come prevenire eventuali atti di bullismo? Come possono intervenire genitori ed insegnanti? Queste e altre sono le domande che ci fate in questi giorni, dove la cronaca ci riporta episodi tristi e desolanti di giovani bulli che deridono e […]

…continua… «Bullismo:come prevenirlo»

Prescrittura: deve essere un gioco

Gli esercizi di prescrittura? Devono essere proposti come un gioco, non devono essere imposti. I bambini hanno davanti tutto il tempo necessario per scrivere e fare i compiti!. Spesso nascono dalle loro richieste, o perché vogliono imitare il fratello maggiore alle prese con i compiti. Va bene assecondare le loro esigenze mantenendo sempre una modalità ludica di fondo. Non importa se scrive e che tipo di tracce lascia sul foglio. Il fatto di impugnare la matita rappresenta già un primo esercizio! Iniziate con il nome del bambino, scrivendo le lettere in stampatello maiuscolo. Le lettere possono anche essere create con un filo di lana un po’ grosso, per imparare e memorizzare le sagome e le varie forme. Non preoccupatevi se non riuscisse subito a rappresentare la singola lettera, occorre tempo ed esercizio. Valorizzate piuttosto la sua voglia di imparare e di ‘fare come i grandi’. Preparate insieme una cartelletta per raccogliere tutte le Prove d’Autore. Sara’ utile poi riguardare i progressi nel tempo!. Lasciate però che siano le maestre all’asilo che diano le corrette indicazioni onde evitare problemi.

 

Non solo vestiti di Carnevale da bambini… ma anche tante altre idee!

Eh sì!..abbiamo appena finito di smaltire gli ultimi dolci natalizi, che sono già in arrivo le frittelle del Carnevale! Questo ci fa pensare a che tipo di festa organizzare e a quali vestiti di carnevale da bambini andremo a scegliere.

Per i piccoli (0-36 mesi) il Carnevale è vissuto come una festa divertente anche se, talvolta, all’ultimo minuto fanno fatica ad accettare un travestimento diverso dal solito abbigliamento. Hanno infatti paura di non riconoscersi più, oppure si spaventano di maschere e trucchi.

Al contrario per i più grandi (3-12 anni) il Carnevale simboleggia una vera e propria festa dove la scelta del travestimento è pianificata e organizzata da tempo. Le maschere piacciono molto perché permettono al bambino di potersi identificare nel loro supereroe preferito o in una bellissima principessa.

Molte volte vince la moda (quindi la tentazione di impersonificare qualche cartone animato o personaggio dei film), altre volte invece vi è la voglia di stupire con un costume originale e simpatico come quello di un animale o di un frutto.
L’importante è che sia il bambino a sceglierlo seguendo i suoi gusti personali!

Vi suggeriamo per un travestimento completo e veloce Funidelia.it il sito online al quale ci rivolgiamo spesso per le recite e le rappresentazioni teatrali delle varie strutture educative che seguiamo tra Milano e Roma.

Dopo aver individuato il costume, a seconda dell’età, è possibile anche organizzare in casa una piccola scenetta, con l’aiuto della musica (se i bambini sono piccoli), se invece sono più grandi possono inventare uno sketch ed esibirsi in famiglia o tra amici.
Perché ci piace questo sito? La scelta è davvero ampia, (anzi, potete sbizzarrirvi anche con i travestimenti per adulti!) inoltre la consegna è rapida e sicura, in corsa contro il tempo!

Inoltre, il sito propone esclusivamente prodotti a norma CE, sicuri sulla pelle dei bimbi. Oltre alle tante offerte, è possibile trovare costumi di coppia, o “abiti” particolari anche per i propri amici a quattro zampe (!!!), un sacco di prodotti dedicati al merchandising dei grandi marchi (qualcuno ha detto Star Wars e affini?) e tante decorazioni a tema con i costumi, per realizzare anche feste in maschera (o di compleanno) a casa.

Come dicevamo, per febbraio non solo tanti vestiti di carnevale da bambini… ma anche tante idee per il resto della famiglia!