Spiegate ai bambini la parola terrorismo..

Non sono giorni facili, ma in generale non è un bel periodo per l’atmosfera che regna nel mondo. Inutile negarlo, il sentimento di paura o tensione può venire a tutti, anche per un semplice viaggio. Come spiegare ai nostri bambini questo sentimento di paura? Come proteggerli da queste azioni violente? È giusto parlarne e affrontare questi argomenti o è meglio far finta di niente per non preoccuparli?

Noi di Mammechefatica, riteniamo che sia importante da un punto di vista psicopedagogico, parlarne con i bambini, anche se piccoli (magari ancora alle elementari) poiché è fondamentale che se ne parli in famiglia e che i figli possano capire dai loro genitori ciò che sta succedendo piuttosto che sentirlo dai compagni di scuola . L’aspetto importante e’ filtrare il sentimento della paura. L’adulto che spiega,sia un genitore o un maestro,deve mantenere un atteggiamento rassicurante e infondere fiducia nonostante tutto. I piccoli devono sapere ma anche essere protetti e crescere il più possibile senza un messaggio giudicante. Valorizzate piuttosto gli atteggiamenti di solidarietà e di aiuto reciproco come quelli di Manchester per far capire loro che il mondo è fatto anche di persone dal cuore grande, pronte a mobilitarsi per aiutare il prossimo. Chiedete loro di fare un disegno che rappresenta ciò che è stato detto e fatevelo spiegare. Speriamo sia pieno di speranza nonostante tutto…

 

 


 

Cosa raccontare ai bambini di questo periodo difficile…

Cosa raccontare ai bambini di questo tragico luglio? Non è troppo presto parlare di atti terroristici, rabbia e violenza? A seconda dell’età, spiegate ai bambini ciò che sta succedendo mantendo un tono rassicurante che infonda fiducia. I bambini avvertono per primi le nostre ansie e le nostre paure. Evitate di far vedere loro il telegiornale e se sono grandi invece commentate i fatti insieme: rappresenta un ottimo modo per condividere anche le immagini più forti e strazianti. Cerchiamo sempre di offrire delle spiegazioni concrete e realiste utilizzando parole semplici e chiare. E offriamo loro considerazioni che possano far germogliare un senso critico verso la società di cui facciamo parte. Non parlarne in casa può  essere una scelta, ma crediamo sia più giusto che possano apprendere le notizie e le informazioni (soprattutto le più brutte) proprio dai genitori e non in modo indiretto dalla scuola e dai compagni. I genitori hanno il compito di rassicurare in questi casi e di restituire al proprio figlio la serenità perduta e trasmettere il più possibile il senso di civiltà partendo dalle piccole cose. È importante capire piuttosto che giudicare. È importante attivare un atteggiamento di tipo empatico e “mettersi nei panni di” piuttosto che ignorare la realtà che ci circonda.

Potrebbe essere un ottimo strumento per i futuri cittadini del mondo che stiamo crescendo. 

 

 

Spieghiamo Parigi ai bambini…

CharlieMammechefatica invita a spiegare ai bambini, anche se piccoli, ciò’ che sta accadendo a Parigi in questi giorni. Per non dimenticare, per dare una risposta alle loro domande e alle nostre paure.

Spieghiamo Parigi ai bambini perche’ non si può’ uccidere per una vignetta, ma soprattutto non si può’ uccidere mai.

Spieghiamo Parigi ai bambini perche’ loro saranno i cittàdini del mondo di domani e devono sapere come e’ andato il mondo finora e conservare la speranza e la volontà’ di fare sempre meglio.

Spieghiamo Parigi ai bambini per DIFENDERE la LIBERTA’ per cui tanti esseri umani prima di noi si sono battuti.

“Osons vivre ensemble” diceva un cartello della storica marcia di Domenica contro il terrorismo.

Osare, provare, proviamoci. E’questo il messaggio che almeno da adulti abbiamo il compito di trasmettere ai bambini.

Facciamo vedere loro quanta gente e’ arrivata a Parigi per dare un segnale forte e rispondere in modo unito nonostante la paura e la tensione di questi giorni.

Marta e Sara