Come scegliere l’asilo o la scuola giusta

 

È tempo di Open days online o in presenza per molti asili e scuole in vista del prossimo anno educativo. Qualche dritta per aiutare i neogenitori a scegliere e individuare quella che può essere la scuola ideale e giusta per ogni esigenza. La scuola perfetta intanto non esiste, esistono diverse strutture educative ognuna con il suo punto di forza, e stile educativo ma soprattutto ci piace pensare che esistono dei grandi Educatori/Educatrici e Maestre/i che contribuiscono con la loro esperienza e quotidianità a renderla tale. Detto ciò poi la scelta della scuola o del nido deve anche tenere presente del fattore comodità. Sembrerà banale ma soprattutto il nido meglio se è vicino e funzionale. Non è sano per un piccolo dover stare tanto tempo in macchina e nel traffico cittadino, meglio optare per una soluzione vicina all’interno del proprio quartiere (almeno laddove è possibile). Quando visitate la struttura, fatevi un’idea della sensazione generale che vi trasmette. Cosa vi è piaciuto/cosa vi ha deluso. Non credete mai a chi vende un prodotto, piuttosto a chi prova a farne un resoconto il più reale possibile, parlando anche delle criticità che un bambino può incontrare, ma soprattutto del percorso che viene fatto insieme non solo del risultato finale. Una buona scuola in generale (riferito in particolare al nido e alla scuola dell’infanzia) è quella che permette a tutti i componenti della famiglia di essere accompagnati in una delle avventure più belle: la crescita. Crescita che deve essere pensata e condivisa mediante una serie di attività non solo per i piccoli ma anche per i genitori. La struttura oltre ad avere un piano di offerta formativa con le varie attività e proposte ludico-didattiche deve promuovere determinati valori e permettere ai piccoli di fare appunto un’esperienza: non solo di gioco, ma soprattutto esperienza di relazioni che permettono nel tempo al bambino di strutturarsi, di acquisire maggior sicurezza per muoversi nel mondo. 

 

Come spiegare la morte e la perdita ai bambini

In questo lungo e faticoso periodo storico post Covd uno degli argomenti più richiesti è stato ed è tutt’ora quello riguardante il concetto della perdita e della morte di una persona cara. Come spiegare tutto questo ad un bambino piccolo? Aspetto che mi faccia la domanda e intanto passa il tempo oppure glielo dico? E se poi soffre di più? Questi e altre ancora sono gli interrogativi più ricorrenti. Premesso che trattare questo argomento non è mai semplice, perché comunque porta anche l’adulto su un piano di sofferenza e di dolore, crediamo sia fondamentale spiegare e raccontare al bambino a seconda della sua età con l’intento di dire sempre la verità senza dover nascondere la realtà circostante offrendo nel contempo un forte sentimento protettivo. Nella pratica suggeriamo di:

  • parlarne insieme in un tono sempre tranquillo
  •  accogliere tutte le domande anche le più strane e misteriose
  • leggere insieme un libro che tratta questo argomento
  • spiegare che si tratta di un evento universale che ci riguarda tutti in quanto esseri umani
  • non vergognarsi di piangere o manifestare tristezza
  • salutare la persona cara in foto o al cimitero  e parlarle talvolta è un modo per sentirla sempre vicino
  • rassicurare e offrire protezione nei gesti e nella quotidianità nonostante la situazione
  • mettere in conto un periodo un po’ più difficile ed emotivamente complesso per tutti, piccoli e grandi necessario e fondamentale per elaborare il lutto

Pedibus: un’esperienza da imitare

Si stanno moltiplicando le iniziative da parte di gruppi di genitori che decidono di promuovere l’esperienza Pedibus quindi creare una sorta di percorso sicuro per bambini e ragazzi che devono raggiungere la scuola a piedi scortati dai genitori stessi che a turno supervisionano il gruppo.

Si tratta di un’esperienza ricca di risvolti positivi sul piano sociorelazionale: in questo periodo storico così delicato soprattutto per la socialità, poter stare insieme e sentirsi parte di un gruppo è un sentimento importante anche da un punto di vista fisico (spesso i bambini non sono abituati a camminare, offrire loro la possibilità di camminare quotidianamente in fila è un valido esercizio). Speriamo di veder nascere tanti gruppi di Pedibus anche nelle realtà cittadine perché veder invadere le città di carovane di ragazzi ha effetti positivi per tutti. Il poter fare un pezzo di strada insieme a qualcun altro è sempre un’esperienza più divertente che farla da soli, e si riesce inevitabilmente a camminare più a lungo. Raggiungere un luogo o una meta a piedi è sempre più stimolante piuttosto che sedersi in macchina in modo passivo: è un’occasione per osservare il mondo con occhi diversi. E voi, cosa ne pensate? È un’idea fattibile nel vostro quartiere?

Il Rispetto per le Donne e la figura femminile

Perché non si parli della violenza sulle Donne solo il 25 Novembre di ogni anno, ma vorremmo che fosse pura quotidianità. Il Rispetto per le Donne e la figura femminile in generale va trattato ma soprattutto dimostrato e praticato sempre. Si tratta di un sentimento e di un gesto che va spiegato fin da piccoli per introdurre e modificare un modello culturale ancora troppo pieno di stereotipi e di immagini linguistiche che impongono certe caratteristiche femminili. Ricordiamo che violenza non è solo quella sul piano fisico ma tanto appartiene anche sul piano psicologico e verbale. Ed è proprio questa forma che va combattuta e trattata fin dall’infanzia con tutti i bambini e bambine, per poi passare ai preadolescenti e ai futuri adulti. Molto spesso ancora oggi si evitano certi discorsi anche con i ragazzi/e invece è solo affrontandoli con un atteggiamento serio e fiducioso che possiamo trasmettere loro un possibile modello di amore che poi faranno loro nel tempo. 

La violenza alle Donne spiegata ai bambini ai tempi del Covid

Perché spiegare ai bambini il senso della Giornata contro la violenza sulle donne? E’ molto importante che i bambini sappiano che cosa sia la violenza e come riconoscerla per poterle dare un nome e una forma. Lo si deve fare utilizzando un linguaggio appropriato, chiaro e concreto. Se i bambini hanno la possibilità di vivere in un ambiente in cui il rispetto la parità di genere non sono eccezioni, ma sono il pane quotidiano, allora potranno diventare adolescenti e futuri adulti più attenti e consapevoli nelle loro relazioni e legami futuri. Si tratta di lavorarci su e trasmettere una cultura libera da ogni stereotipo, che sappia andare sul piano concreto anche nei momenti di gioco. Basti pensare alle frasi come “Non fare la femminuccia” e tante altre simili.  “La violenza contro le donne spesso parte proprio dal linguaggio e dai termini utilizzati oltre che da alcuni comportamenti. Il linguaggio sessista è profondamente radicato ed è dunque molto complicato da decostruire” come evidenza Babbel  da una recente ricerca. Spesso non ci si rende conto del peso culturale che ricoprono, ma proprio chi lavora in campo educativo deve fare attenzione al significato di certi termini e saperli contestualizzare al meglio offrendo ai bambini una visione non giudicante, in grado di valorizzare e rispettare le differenze, i gusti e le scelte di ogni individuo, senza cadere in trappole stereotipate e predefinite.  In questo periodo così difficile sappiamo che è aumentata la violenza domestica (le richieste di aiuto al numero apposito 1522 sono aumentate del 119% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso!) a cui molto spesso assistono silenziosi anche i bambini. Perché la violenza in generale e sulle donne nello specifico è un tema che ci coinvolge tutti, e non è pensabile far finta di nulla. È bene parlarne, a tutte le età e in tutti i modi possibili.

Guarda il nostro video sul temahttps://fb.watch/1ZcqkJMUGE/

Che cosa gli faccio fare??

 

 

“Che cosa gli faccio fare ora?”. Alzi la mano chi non abbia mai pensato questa domanda con un bambino (specie se piccolo..). Dover trascorrere tanto tempo in casa per vari motivi con un bambino può diventare una sfida impegnativa. L’aspetto più importante è quello di cercare di non proiettare troppo le nostre frustrazioni sul bambino che inevitabilmente assorbe e percepisce il disagio e l’insofferenza dell’adulto coinvolto nella relazione. Il bambino piccolo ha bisogno di un contesto il più armonico possibile all’interno del quale poter sperimentare la propria curiosità. Se è vero che basta poco è anche vero che quel poco va continuamente rivisto e rielaborato per fare in modo che sappia rispondere ai propri bisogni. Sicuramente tra le tante attività proponiamo:

  • il canto di filastrocche e canzoncine ripetuto durante il giorno (aiuta a riconoscere le varie routine e scandire il tempo)
  • la lettura ad alta voce di storie brevi
  • Sono attività fondamentali (a costo zero!) per stimolare il linguaggio e l’ascolto attivo e per consolidare il rapporto e la relazione con il piccolo. Vanno ripetute quotidianamente e più volte al giorno per permettere anche al bambino di riconoscere i suoni e le parole nel tempo. Meglio se condotte su un tappeto o all’interno di uno spazio ben delimitato senza altri giochi o materiali per aumentare la capacità di concentrazione: siete voi in quell’istante il gioco con cui giocare e dal quale tirare fuori risorse preziose. 

Ansie e lockdown: come affrontarle con i bambini

La preoccupazione e la tensione per un possibile nuovo lockdown e’ nei pensieri e nei gesti di tutti. Per ora il nuovo DPCM pone una serie di limitazioni che salva in presenza le realtà educative della Prima Infanzia, della Primaria e delle Medie. Come fare a incastrare il lavoro tra quarantene e gestire nel contempo tutto il resto? Detto ciò ora preoccupiamoci e quindi investiamo al meglio le energie su come tutelare e proteggere i bambini da queste nostre continue ansie. Questo è il vero nocciolo della questione..anche se non ne parliamo direttamente con loro perché molto piccoli, assorbono e intuiscono le nostre agitazioni e insofferenze da un punto di vista generale. Quindi cercate di offrire loro sempre un senso di sicurezza e di serenità creando tanti brevi momenti di: gioco, coccole e canzoni da ascoltare e cantare insieme. Con una sola accortezza: quando siete con loro giocate con loro e per un attimo dimenticate il resto.

I bambini chiedono sempre e solo una cosa difficilissima agli adulti: la capacità di sapersi sintonizzare sui loro bisogni. O no?! 

 

Ricongiungersi dopo la giornata in asilo

Adesso che la maggior parte dei bambini hanno trovato la loro dimensione e si sono ambientati negli asili e nei nidi subentra talvolta una nuova difficoltà: la capacità di ricongiungersi e salutarsi bene dopo la lunga giornata al nido o alla scuola dell’infanzia. Il bambino, specie se piccolo, realizza di aver trascorso la giornata lontano dai genitori solo nel momento specifico in cui li rivede. Quindi è sempre molto importante, soprattutto in questo primo periodo dell’anno, presentarsi all’uscita della struttura e dedicarvi il giusto tempo per far capire al vostro bambino che ora vi ritrovate e starete un po’ insieme. Se dovesse emozionarsi, è perché rivede una persona importante e speciale che siete voi.  Raccontate voi la vostra giornata e poi il piccolo proverà a suo modo. Se dovesse nascondersi o non voler uscire dall’asilo e’ il suo modo per dirvi” vieni a prendermi tu,mi sei mancata molto oggi”. Molti genitori aspettano che siano i bambini ad andare da loro: insistiamo invece perché sia il contrario: è l’adulto che deve intuire il distacco, e la possibile difficoltà del bambino ad accettare il nuovo ambiente. È il genitore che accompagnato mentalmente dalle figure educative torna dal suo bambino, si ricongiunge e ritrova il suo mondo. Come avrebbe detto Recamier: “perdersi per ritrovarsi”.

Poi ci sarà il tempo per chiedere come è stato e cosa ha mangiato, ma prima un forte abbraccio è fondamentale come segnale di rassicurazione.

 

Inserimento fra nido e scuola d’infanzia

Sono iniziati questa settimana i primi inserimenti e ambientamenti presso le varie strutture educative pubbliche e private. Qualche piccolo suggerimento da condividere per fare in modo che sia voi che il vostro bambino/a possiate entrare in asilo e salutarvi nel migliore dei modi possibili, tenendo sempre conto delle mille variabili e imprevisti che caratterizzano la fascia di età 0-36 mesi!.

 

  • create un rituale di saluto: offre sicurezza ai piccoli e gli permette di intuire subito per cosa ci si sta preparando
  • siate forti,sicuri e coerenti anche se il vostro bambino non vuole entrare o piange
  • spiegategli in modo chiaro che il nido/l’asilo è un posto dove potersi anche divertire e fare dei giochi nuovi
  • È difficile all’inizio accettare un posto nuovo, è difficile lasciare le mamme/papà ma quando ci si ritrova sarà ancora più bello stare insieme e raccontarsi cosa si è fatto durante il giorno
  • è difficile anche per tutte le mamme e i papà del mondo salutare i propri bambini e doversi congedare, ma se si crede che sia una buona opportunità lo si fa!
  • È importante che i bambini sappiano che salutarsi è difficile anche per gli adulti
  • pensare sempre che anche dopo un pianto disperato il bambino può essere in grado di giocare e stare bene
  • pensare che il piccolo anche se in mani diverse dalle vostre potrà stare bene e fare nuove esperienze costruttive
  • nutrire tanta fiducia e rispetto per il personale educativo che specie in questo periodo sta cercando di fare il meglio possibile
  • il nido e l’asilo non tolgono anzi sono pensati per dare: non solo al bambino la giusta autonomia per crescere e trovare il suo posto nel mondo ma anche alle famiglie per essere e crescere come genitori

 

L’incertezza dello 0-3

Siamo quasi alla fine di luglio ormai e non sono ancora giunte le linee guida per l’apertura delle varie realtà educative 0-3 anni. Questo porta inevitabilmente ad un forte sconforto e senso di disorientamento tra le varie figure educative ma anche tra le famiglie che non sanno con esattezza quando e come riapriranno i nidi dei loro bambini. Nonostante questo clima di continua incertezza e confusione suggeriamo di non far passare questa sensazione ai piccoli i quali hanno bisogno di punti di riferimento chiari e precisi. Hanno già sofferto e patito abbastanza in questi mesi di isolamento. Da un punto di vista mentale poi è fondamentale dare e darsi un obbiettivo aspettando Settembre soprattutto in un periodo storico  così delicato e fragile come quello che stiamo vivendo. Sta a noi crederci e continuare a stimolare la loro curiosità e immaginazione quotidiana. Proponendo giochi, attività e visite in grado di saziare il bisogno di socialità. Continuate quindi  a collezionare ricordi in questa strana estate da portare (un giorno!?!) a scuola e al nido: servono a scandire il tempo, saranno utili per ricordarsi di alcuni momenti trascorsi insieme.