Pingu’s school: la nuova scuola alle porte di Milano

Tra i vari progetti in corso stiamo seguendo i preparativi della nuova Pingu’s English School a San Giuliano,alle porte di Milano. Si tratta di uno spazio interamente ristrutturato e pensato per proporre ai bambini da 0 ai 6 anni un’esperienza ludica a 360 gradi supportata dalla scoperta della lingua inglese. Ci sarà posto per tutti: la struttura è di 800mq con relativo giardino e percorso multisensoriale che circonda l’edificio. Durante le mattine sarà a disposizione il nido e la scuola materna (la scuola abbraccia la filosofia montessoriana,il metodo di Reggio Children e l’approccio svedese della Scuola nel Bosco) nel pomeriggio invece  saranno attivi anche corsi d’inglese metodo Pingu’s per chi fosse interessato. Non vediamo l’ora di iniziare e poter condividere con i bambini, i loro genitori e il team educativo questa nuova avventura!.  Vi aspettiamo!!!!

Info e recapiti: info@pesangiuliano.it/www.pesangiuliano.it

02- 83422649 via Tolstoj 61,San Giuliano Milanese (Mi).

Open Day da Pingu’s a San Giuliano (Mi)

 


Vi aspettiamo sabato 11 Maggio per conoscere la nuova Pingu’s School a San Giuliano, alle porte di Milano. Si tratta di una nuova scuola, che include nido e materna, che abbraccia diversi approcci pedagogici tra cui il metodo Montessori, Reggio Children e il metodo svedese della Scuola nel Bosco, privilegiando la lingua inglese e valorizzando l’approccio ludico e naturale in tutte le sue forme, come chiave di lettura della Scuola.  Siamo orgogliose di poter dare il nostro contributo pedagogico e di iniziare una nuova avventura!. E’ sempre interessante e stimolante un metodo che accoglie piu’ punti di vista e che si pone l’obiettivo di trasmettere tutto cio’ ai suoi piccoli e alle sue famiglie. Vi aspettiamo per conoscerci di persona, raccontarvi e mostrarvi un po’ della Scuola e di tutto lo staff e dare inizio a questa nuova avventura chiamata crescita.

Cosa ci portiamo a casa dal Convegno di ieri?

Cosa ci portiamo a casa dal Convegno di ieri a Piacenza organizzato dal Cpp per celebrare il loro lungo impegno in questi 30 anni di attività?.. Sicuramente un’idea di educazione come organizzazione (occorre essere pratici e sintetici spiegava Daniele Novara, autore di successo di numerosi libri e direttore del Centro).  I bambini e gli adolescenti hanno tempi diversi dai nostri. Parliamo meno con loro ma al contempo investiamo più tempo e lasciamo loro un esempio concreto, una traccia da cui prendere spunto. Tanti gli ospiti intervenuti tra cui, Silvia Vegetti Finzi (sempre commovente il suo intervento) Susanna Mantovani, Michele Zappella e Alberto Pellai. Il teatro era pieno, più di mille partecipanti tra educatrici, insegnanti e genitori hanno ascoltato, riso e applaudito. Ma soprattutto hanno condiviso un modo di fare educazione del quale vi è un forte bisogno. Non possiamo che ringraziare tutto lo staff del Cpp e rinnovare il prossimo appuntamento a Milano il 12 Ottobre al Teatro Dal Verme! Vi terremo aggiornati sulle iscrizioni nei prossimi post!

Un pensiero anche a Cinzia,Giovanna e altre che col cuore erano lì in platea. Nella foto da sx: papà Bruzzone,Daniele Novara, Sara & Marta.

 

Vi presentiamo la PieroCarbonetti!

MammeCheFatica oggi parla dell’azienda PieroCarbonetti.it che si occupa da anni di arredamento specializzato anche per la sezione infanzia/nidi e scuole. Si tratta di un’azienda che pur essendosi rinnovata negli anni mantiene la solidità di un tempo e quel sapore artigianale che sempre andiamo cercando. Come noi, lavora dai nidi alle case di riposo, passando per biblioteche, negozi, scuole,comuni ecc. Si occupa dell’arredamento interno ma anche esterno. Sappiamo quanto sia importante la scelta dell’arredamento giusto quando si è alle prese con l’apertura di nuovi spazi o con un rinnovamento parziale. Non sembra, ma talvolta spostare e rinnovare introducendo elementi nuovi ci dà anche una nuova energia! Proprio in vista della Primavera che invitiamo le varie realtà educative che conosciamo a dare una nuova possibilita’ allo spazio che viviamo quotidianamente. Saper introdurre dei cambiamenti significa anche saper leggere gli eventi con diverse chiavi di lettura..un must per chi lavora nel sociale.. Ricordiamo ancora L.Malaguzzi (storico Pedagogista fondatore del Reggio Approach) quando diceva che lo spazio è il terzo educatore proprio per evidenziarne la sua importanza e il fatto che non deve mai essere puro assemblaggio ma piuttosto fonte di un ragionamento. È un “linguaggio silenzioso” come dicono gli architetti che dal nostro punto di vista influisce i contesti di crescita dei grandi e dei piccoli.

Biancamore

 

MammeCheFatica ha conosciuto e provato le creme e i prodotti Biancamore di  Paestum, ideati anni fa da Daniela Senatore e da suo fratello Pasquale. Daniela ci racconta che  i suoi prodotti sono nati da un’ esigenza specifica: durante il periodo della gravidanza, in attesa del suo primo figlio, era in cerca di un emolliente naturale che potesse lenire e ammorbidire la sua pelle molto sensibile e irritata. Si fece procurare del latte di bufala come le suggeri’ sua nonna e fece più bagni caldi. Da lì è nata l’idea di approfondire il discorso fino ad arrivare a creare una linea di prodotti naturali per pelli anche sensibili rivolta a tutta la famiglia e “trasformare questo antico rimedio naturale in una promessa di benessere per tutti”.

Ne parliamo perché: ci è piaciuta molto la storia, l’idea di lavorare in famiglia con il fratello, di creare una linea nuova, di nicchia, dal gusto artigianale che racchiudesse il sapore della terra di origine.

Ci piace perché: abbiamo provato diversi prodotti tra cui la crema corpo e la crema viso. Lasciano effettivamente la pelle morbida al tatto, oltre che un delicatissimo profumo. Se siete in cerca di prodotti per la cura del viso e del corpo Biancamore vi incuriosira’! Alle mamme che sono sempre di fretta un po’ di crema che profuma di buono lascia anche una buona energia! Vi invitiamo a dare uno sguardo al sito e farvi coccolare come il latte di bufala sa fare!

“Cambiare la scuola si può” di D.Novara

 

In questi tempi bui, tra sedie che vengono lanciate ai prof e genitori poco partecipativi al processo di crescita dei loro figli, Daniele Novara, scrive un bel libro sul possibile e necessario cambiamento della scuola, partendo dalle risorse di ognuno: insegnanti,genitori ed alunni. L’autore, una delle firme più autorevoli della Pedagogia di oggi e fondatore del Cpp di Piacenza, spiega ancora una volta come fare a rendere visibile questo cambiamento partendo da piccole strategie quotidiane. Lezione frontale, compiti a casa e studio mnemonico sono un esempio di come il sistema scolastico sia statico da tempo. Novara propone il metodo maieutico che valorizza la scuola come “comunità di apprendimento” all’interno della quale si apprende dai pari, si sperimenta, e dove il ruolo di insegnante e’ quello di un regista che valorizza e mette al centro i suoi allievi.

Perche’ è importante leggerlo: per sensibilizzare e ancor più coinvolgere gli insegnanti e i genitori in questo processo di cambiamento, perché è possibile una scuola nuova dove ci si aiuta, si condivide e ci si diverte anche!

Perche’ ne parliamo: Daniele Novara rappresenta uno dei volti più noti nel panorama psicopedagogico italiano, e conferma il bisogno e la necessità di immaginare e vivere una nuova scuola dove la partecipazione e la condivisione siano alla base di tutto.

Incontriamo l’autore: Daniele Novara presenterà il suo ultimo libro a Milano il 19 Novembre presso la libreria Mondadori in via Marghera 28 alle ore 20.30 e a Roma il 21 Novembre presso la Città dell’Altra Economia  alle ore 20.30. Ingressi gratuiti fino ad esaurimento posti.

Noi ci saremo!

 

 

 

 

 

Che bella storia questa..da Repubblica.it

 

Leggendo le varie notizie tra un treno e l’altro, su Repubblica.it c’è una bellissima storia. La notizia viene da Riccione; In una scuola elementare c’è una maestra che decide di affrontare e rendere pubblico ai suoi alunni il problema di un compagno che soffre di epilessia. Dopo aver spiegato ai bambini (9 anni) di che cosa si tratta, decide di coinvolgerli e renderli partecipi in caso di emergenza. In classe viene appeso un foglio con i nomi dei bambini che dovranno soccorrerlo chiamando il bidello, prendendo le pastiglie dal cassetto etc. Ovviamente sarà l’insegnante in qualità di adulto, ad occuparsene in prima persona, però apprezziamo il fatto di voler responsabilizzare i bambini rendendoli solidali e in grado di aiutare.  

Bello pensare che anche a Scuola ci siano insegnanti che valorizzano il senso di umanità e solidarietà che sono a nostro parere le materie piu’ importanti da insegnare e trasmettere ai giovani adulti del futuro.

 

Professione Coccodrillo

 

Venerdì pomeriggio eravamo da The Little Reader a Roma, una libreria-caffe’ per bambini e adulti nel quartiere Esquilino, dove è stato presentato il libro Professione Coccodrillo, raccontato da Nadia Terranova,scrittrice e dall’ illustratrice MariaChiara Di Giorgio, la quale ha spiegato a tutti i passaggi dei vari disegni che poi portano a quelli definitivi del libro e infine ha firmato e disegnato tutte le copie! (Inclusa la nostra!). È stato un piacevole pomeriggio, pieno di grandi e piccini curiosi che ascoltavano e commentavano la storia. Già perché il libro è un libro senza parole,  sono le immagini a scandirne il ritmo!

di cosa parla: il libro racconta la quotidianità di un coccodrillo, che si alza, va in bagno (cosa farà?!..che puzza?!), sceglie i vestiti per la giornata, va in metropolitana, passeggia nel quartiere Esquilino, tra un maritozzo di Regoli e un mazzo di fiori alla fine si dirige…(non vi sveliamo il finale!).

perche’ ci piace: il libro ci è piaciuto perché non avendo un testo ognuno può animare la storia come meglio crede! Inoltre rappresenta un ottimo esercizio di fantasia  per i bambini e gli adulti un po’ arrugginiti (quelli che dicono che non hanno fantasia per intenderci).

Professione Coccodrillo e’ edito da Topipittori. Sta avendo un successo incredibile, anche in Cina, Francia e Spagna.

A tutti quelli che si sentono un po’ coccodrillo, buona storia!

Benvenuto LovetheSign!

Mammechefatica presenta con grande piacere una nuova collaborazione con il sito LovetheSign, un portale che si occupa di Design e di oggettistica anche per bambini. Qui a lato troverete il banner con il codice sconto per gli interessati.

Perché ci piace: apprezziamo da tempo LovetheSign, una realtà giovane e dinamica che si è affermata sul mercato italiano e straniero per la scelta di pezzi particolari e per il rapporto qualità/prezzo. Ci piace l’ idea di ampliare i contatti e le prospettive presentando anche dei complementi d’ arredo dedicati alla prima infanzia e non.

Abituare il bambino fin da piccolo ad utilizzare dei materiali scelti e pensati signica offrirgli la possibilità di giocare in modo speciale e poterne apprezzare il senso anche da adulti. Unire e abbinare degli oggetti semplici ad altri più elaborati sia in casa sia in asilo troviamo sia una bella opportunità… come ci aveva spiegato Bruno Munari tanti anni fa (quando eravamo piccole) nei suoi primi laboratori a Milano!

P.s. il banner di LovetheSign qui accanto contiene un codice sconto: approfittiamone!!

 

Se volete un ricordo…

fotoOggi parliamo di fotografia. Se avete voglia di farvi un regalo, o pensare ad un dono autentico vi invitiamo al sito Effanfotografie.

Francesca, con la sua mano magica, scatterà delle foto originali a voi e ai vostri bambini. Fotografa anche tante pance, neonati e famiglie. Pronta a catturare e a valorizzare le emozioni più nascoste.

Lavora,come noi, tra Roma e Milano ma se contattata in tempo arriva ovunque!

W i ricordi e le emozioni autentiche da custodire con cura nel tempo!