Non togliamoci il ghiribizzo!

Qualche settimana fa abbiamo sentito recitare Bruno Tognolini, l’autore del libro “Il ghiribizzo”, con le illustrazioni di Giulia Orecchia, ed. Motta Junior.

Di cosa si tratta: di un bambino salterellone, allegro e molto attivo visto dagli adulti come un disagio da risolvere.

Perché ne parliamo: è stato pubblicato già nel 2014, ma non possiamo fare a meno di parlarne dopo averlo sentito leggere direttamente dall’autore: uno scrittore geniale e irresistibile!

MammeCheFatica lo consiglia perchè: il messaggio che vuole trasmettere è esattamente in linea con i nostri pensieri! Non soffochiamo la creatività e a vivacità dei bambini perché è da qui che nasce la fantasia, l’ottimismo e la voglia di vivere! Non tutto può essere interpretato e vissuto come un problema o un malessere: qualche volta infatti, basta riascoltare i bambini che anche noi un tempo siamo stati per tornare a sorridere!

“Piccoli bulli e cyberbulli crescono”

MammeCheFatica sente il bisogno sempre attuale di tornare a parlare di bullismo e dei suoi atteggiamenti violenti attraverso un libro: “Piccoli bulli e cyberbulli crescono” di Anna Oliviero Ferraris,( ed. Bur Rizzoli) nota psicologa e psicoterapeuta che con i suoi saggi offre da anni un ottimo contributo all’interno del panorama psicopedagogico italiano.

Ci piace perché: offre uno strumento valido e concreto agli adulti genitori e insegnanti per capire la dimensione reale in cui vivono certi bambini e adolescenti che sono vittime di atti di violenza e aggressività, non solo fisica, ma anche virtuale. Nel libro vengono descritti numerosi esempi e testimonianze che sono, a nostro avviso, fondamentali per capire e analizzare il contenuto di certe azioni anche violente. Interessante è il capitolo sulla Prevenzione che appunto inizia in Famiglia. L’autrice spiega quanto sia importante attivare una comunicazione autentica e un dialogo costante con i propri figli fin da piccoli. “Un clima rigidamente gerarchico e autoritario dove il controllo viene esercitato con dure punizioni fisiche, così come all’opposto, la mancanza di limiti e regole, produce facilmente bambini con scarse capacità relazionali e sociali che si lasciano guidare da reazioni causali e comportamenti antisociali”.

Vi invitiamo a leggere il libro e a condividere anche se i figli sono ancora piccoli e pensate che “non sia ancora giunto il momento”. Il tempo aiuta ad iniziare a pensare a come affrontare il problema.

 

Anche le bambine ribelli hanno le loro storie della buonanotte

Tutti ne parlano e anche MammeCheFatica non poteva trattenersi dal leggere un libro per l’addormentamento dedicato alle “bambine ribelli”. Stiamo parlando di “Storie della buonanotte per bambine ribelli. 100 vite di donne straordinarie“, di Francesca Cavallo ed Elena Favilli, ed. Mondadori (224 pp).

Di cosa si tratta? Del bestseller per bambini e ragazzi del momento: un libro che narra di 100 donne, grandi e piccole, che in qualche modo, con la loro volontà e il loro coraggio hanno cambiato il mondo. Nel libro inoltre sono presenti delle illustrazioni create da 60 donne provenienti da diversi paesi che ne arricchiscono il contenuto.

Perché ne parliamo? Perché dagli otto/nove anni si può iniziare a sognare sul proprio futuro con l’esempio di queste donne reali, ma straordinarie, che, invece di sperare passivamente nel Principe Azzurro, si sono rimboccate le maniche e hanno contribuito a rendere migliore il mondo.

A MammeCheFatica piace perché è importante sostenere sin da piccoli il ruolo della donna, alla pari di quello dell’uomo. Trasmettere l’idea che tutti hanno pari valore e  dignità è fondamentale per crescere con serenità, ma è altrettanto importante capire quali successi si possano ottenere con la passione, l’impegno e il coraggio delle proprie idee, anche se “ribelli”.

..Sogni d’oro!..

Cosa vuol dire veramente essere autistici?

MammeCheFatica torna a parlare di un tema molto sentito: l’autismo e tutto ciò che vi è attorno. “Essere autistici vuol dir vivere sulle punte, insicuri in ogni momento”, spiega benissimo Andrea Antonello, un bel ragazzo riccio che ha imparato a conoscere con la sua patologia. Vi presentiamo questo libro disarmante per la sua autenticità, emotività e profondità. “Le parole che non riesco a dire“, ed. Mondadori (64 pag. 9,90€).

Di cosa si tratta? Di un racconto sincero delle emozioni provate da un ragazzo con un disturbo dello spettro autistico, delle sue fatiche, paure e sofferenze, ma anche della sua speranza e fiducia nel futuro. Grazie ad un tablet e alla scrittura guidata è riuscito a comporre un testo intenso, comunicativo, accompagnato da illustrazioni molto colorate.

Perché ci piace? Cosa c’è di più vero di un libro scritto dal suo protagonista? Come immergersi meglio in una situazione così complessa grazie alle parole di un tenero ventiduenne? Un libro rivolto soprattutto ai bambini che non conoscono questo mondo “alla rovescia”. Ma come sempre, anche nlibrooi adulti, genitori o insegnanti, possiamo trarne grande ricchezza.

“Punire non serve a nulla” di Daniele Novara..

libro-novaraMammechefatica è sempre felice di parlare di un nuovo libro di un grande pedagogista come Daniele Novara (fondatore del Centro Psicopedagogico per la pace e la gestione dei conflitti di Piacenza) divenuto negli anni uno dei massimi esponenti a livello educativo dal quale abbiamo imparato e condiviso molto.

Il 29 Settembre uscirà il suo prossimo libro “Punire non serve a nulla” ed. Rizzoli nel quale propone ai genitori un manuale pratico e concreto su come affrontare determinate situazioni. Nel libro l’autore spiega passo dopo passo come creare un ambiente familiare in cui punire non sia più necessario, partendo da alcuni punti di base: “Costruire il corretto gioco di squadra fra i genitori; adattare richieste e indicazioni all’età dei figli, dall’infanzia all’adolescenza; dare un sistema di regole chiaro e trasparente, stabilire la giusta distanza relazionale”.

Lo consigliamo poiché si tratta di un libro molto pratico in cui è facile immedesimarsi e farlo proprio. Imparare a essere un buon genitore consapevole e responsabile ci sembra un ottimo motivo per mettersi in discussione e crescere insieme al proprio figlio. Invitiamo anche le insegnanti e le Educatrici con cui lavoriamo a leggerlo e utilizzarlo come strumento di lavoro si rivelerà utile ed efficace.

 

“Mamma quante storie!”

libroMammeCheFatica vuole parlarvi oggi di un libro speciale perché nato da un’idea di un bravissimo pediatra romano che ha trovato una strategia vincente per far relazionare genitori di ogni etnia nel suo ambulatorio di periferia. da più di sette anni Andrea (così si fa chiamare dai suoi pazienti) organizza la “giornata delle favole una volta al mese” nel suo studio medico invitando mamme di ogni paese a  raccontare la fiaba della loro infanzia. Ecco a voi i libro di Andrea Satta, “Mamma quante storie! Favole in ambulatorio, in treno e in piazza” Ed. Treccani.  Illustrazioni di Fabio Magnasciutti e Sergio Staino.

A MammeCheFatica piace perchè: le favole sono un elemento fortemente caratterizzante la cultura e le radici di ogni uomo e donna, sono inoltre uno strumento utile per far dialogare persone molto sole e diverse perché attraverso di loro si torna tutti un po’ bambini.

Lo consigliamo perché: la narrazione e l’ascolto hanno un valore fortemente terapeutico, sia per i bambini, sia per i grandi. Inoltre l’incontro di persone provenienti da paesi molto lontani e diversi fra loro al giorno d’oggi ha un significato simbolico importante che secondo noi va valorizzato e promosso in ogni ambiente.

Kids&Us di via Ippocrate 73 a Roma!

banner_364x188_openday_camp_nomentanaMammechefatica scrive oggi di una nuova collaborazione con la scuola di inglese Kids&Us dedicata ai piccoli che offre lo studio della lingua ai bambini a partire da un anno di età. Da Kids&Us di via Ippocrate 73 troverete una sede nuovissima e fresca, con uno staff pieno di entusiasmo e voglia di giocare in lingua con i vostri pargoli. Come? Attraverso il canto, la drammatizzazione e il racconto di storie.

Si tratta di un inglese che offre un’esperienza diversa dal solito tra personaggi divertenti che animano le lezioni e canzoni da imparare! “Un approccio aperto  e immaginativo per la scoperta del mondo. Si tratta di un metodo per l’apprendimento dell’inglese basato sui meccanismi  che ci permettono di imparare la nostra lingua materna”. A seconda dell’ età i piccoli potranno imparare le prime parole, sempre introdotte e accompagnate dai loro personaggi di riferimento. (In sede potrete conoscere Mousy e Linda e il resto della simpatica tribù!). Per il gruppo dei piccolissimi l’inglese è insieme alla mamma (o un altro adulto di riferimento) per iniziare ad esplorare i primi suoni in inglese, che verranno imitati nel tempo, in modo naturale. Da sempre sosteniamo l’importanza di poter conoscere e ascoltare una lingua straniera. Un bambino che ha questa opportunità sarà da grande più agevolato  e con più strumenti a disposizione.

Vi aspettiamo all’ Open Day che si terrà Giovedì 22 dalle 16.30 alle 20.00 (ci saranno 2 sessioni informative alle 17 e 18.30 tenute da Claudia Torrisi) per visitare la scuola, assistere alle varie performances e conoscere le future teachers coordinate da Claudia Maggioni. Sarà un’occasione per ritrovarsi e fare nuove conoscenze iniziando a vivere l’esperienza Kids&Us!

Info: via Ippocrate 73, Roma cell. 3357801889  roma.nomentana@kidsandus.it

L’ evento è gratuito, è sempre gradita la prenotazione!

 

 

 

 

 

Percorso mamma & figlia..da Elspa

Mammechefatica ha provato per voi l’hammam Elspa a Roma, in via Plinio 15 (Lepanto). Un rifugio ideale per lasciarsi alle spalle stress e fatiche quotidiane..

Per scelta lo spazio è ad uso esclusivo della coppia o del singolo interessato. Vi capiterà di rilassarvi nelle due vasche di acqua tiepida e fredda e  vi verrà fatto scivolare in acqua un vassoio con il tè alla menta!

Dopo aver preparato il corpo alternando le due temperature sarà la volta del bagno turco…immersi nel vapore per depurare la pelle con un peeling e un massaggio rigenerante svolto dalle sapienti mani di Mosen. Ci teniamo a parlare del Percorso Mamma & figlia poiché ci sembra un’idea originale farsi un regalo e concedersi del tempo per sé con la propria figlia (a partire dai sette anni).

Vi aspettiamo da Elspa per una piacevole pausa nel cuore di Roma a tutte le ore!!

 

Che libri consigliare ad una futura mamma?

MammeCheFatica propone una serie di libri interessanti, professionalmente validi, ma con un linguaggio accessibile per le future mamme, ma anche per papà, nonni, zii o appassionati della materia. Alcuni sono dei grandi classici, altri meno famosi, ma tutti ugualmente ben scritti. Fateci sapere se li avete letti e concordate con noi! Ecco la nostra TOP FIVE:

  1. “A piccoli passi” di Silvia Vegetti Finzi con Anna Maria Battistin
  2. “Come allevare un bambino felice” di Francoise Dolto
  3. “La bella stagione: dieci lezioni sull’infanzia e l’adolescenza” di Fulvio Scaparro
  4. “Il bambino nascosto” di Alba Marcoli
  5. “Educare alla libertà” di Maria Montessori

Letture sotto l’ombrellone..

L’estate è la stagione migliore per dedicarsi alla lettura, alla fantasia e al racconto. MammeCheFatica propone una serie di letture originali, divertenti, ma che trasmettono sempre dei valori che noi riteniamo pedagogicamente importanti.

  • Spiaggia magica di Crockett Johnson, ed. Orecchio Acerbo racconta di due bambini che scrivono dei desideri sulla sabbia e…magicamente si realizza!
  • Le regole dell’estate di Shaun Tan ed. Rizzoli parla di due bambini australiani che  devono seguire 17 buffissime regole e faranno incontri particolari con robot, animali giganti, mostri ecc..
  • Vacanze da Ufo di Clea Dieudonnè, ed. Terre di mezzo. Il libro piace moltissimo prima di tutto perchè ha un formato speciale: si legge in verticale allungandosi fino a 3 metri! Inoltra racconta l’arrivo di tanti turisti nella Grande Città, tra cui anche un certo alieno..
  • Per fare il ritratto di un pesce di Petite Pascalè, ed. Orecchio Acerbo. Sono due storie: quella di alcuni bambini che pescano e quella di un pittore in attesa di ritrarre un pesce perfetto.
  • Sulla collina di Sarah Linda e Davies Benji ed. Marco Polo. Anche se non ha un tema tipicamente estivo, ve lo suggeriamo caldamente in questo vincitore del Premio Andersen 2016 come miglior libro per bambini dagli 0 ai 6 anni. Il libro racconta l’evolversi di un’amicizia a due, la gelosia e la condivisione. Bellissime illustrazioni!

Dunque..relax, crema solare e…buona lettura! 🙂