Babbo Natale esiste?

Come ogni anno per molti bambini in questo periodo si avvicina la classica domanda: “Ma Babbo Natale esiste?” E molti di voi ci chiedono cosa rispondere…meglio fingere, illudendo i bambini oppure dire loro subito la verità? MammeChefatica risponde categorica: finchè si può meglio prolungare la bella storia di Babbo Natale che porta i regali la notte del 24 Dicembre…ci sembra sia giusto e doveroso far sognare e fantasticare come abbiamo fatto noi da piccoli. Non si tratta di illudere o imbrogliare nessuno. E’ una bella storia tramandata da lungo tempo che è importante salvaguardare e custodire con cura per le generazioni future. Come per tutte le cose anche i bambini grandi ne capiranno l’importanza e impareranno a mantenere il segreto verso i più piccoli anzi saranno proprio loro a convincerli e a sfatare ogni minimo dubbio. Godetevi insieme questo periodo e dedicatevi ai preparativi: biscotti fatti in casa, addobbi,  ghirlande e candele..e per la letterina ponete un limite ai regali..povero Babbo Natale deve fare il giro del mondo non può portare tutto e solo a noi!
babbo-n

Le bugie dei bambini: come comportarsi?

Talvolta a partire dalla scuola d’infanzia i bambini tendono a raccontare delle storie fantasiose e non aderenti alla realtà (non delle “bugie” vere e proprie come lo intenderemmo noi adulti), sinonimo di intelligenza e creatività. Ma perchè lo fanno? Non certo per prenderci in giro, ma per lo più per attirare l’attenzione per rendersi sempre più autonomi e indipendenti dalle figure genitoriali. Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, inventare storie rappresenta un raggiungimento evolutivo importante che implica la comprensione da parte del bambino di avere un pensiero suo personale,non evidente agli altri e su cui i grandi non hanno poteri.

Dai sei anni in poi, invece, i bambini possono raccontare bugie in modo consapevole e intenzionale poichè riconoscono la differenza tra verità e invenzione. Lo scopo principale delle menzogne è quello di non deludere le aspettative di mamma e papà, mostrandosi sotto una luce migliore.

Come reagire di fronte a questi episodi, talvolta anche spiacevoli e frustranti per i genitori? Con i bambini più piccoli MammeCheFatica vi suggerisce di non accusarli di essere dei bugiardi, ma di sorprederli con una battuta, usando l’ironia per far capire loro che abbiamo capito. L’importante è cercare di comprendere, se possibile, la ragione di fondo della bugia, mettendosi nei panni del bambino. Infatti punirlo in modo eccessivamente severo o con spiegazioni troppo lunghe e pedanti non hanno la stessa efficacia di una battutta che lo spiazza (ma è chiaro che si tratti di un comportamento sbagliato che va ripreso).

Come comunicare con i bambini? Ecco cinque consigli da seguire

Sembra facile, ma non lo è per niente. Comunicare con i bambini al fine di educarli, crescerli nel migliore dei modi senza ledere la loro autostima e intensificando il legame relazionale è molto faticoso. Vediamo insieme cinque consigli basici molto utili:

  1. Dire sempre la verità, con parole semplici e adatte, ma autentiche e sincere.
  2. Evitare di dare troppe regole e divieti. Meglio usare la frase in senso positivo piuttosto che girarla in negativo (“Non fare così…”)
  3. Essere coerenti tra quello che si dice e quello che si fa per evitare di confonderli
  4. Non negare le proprie emozioni, ma esprimerle
  5. Non buttare addosso i propri problemi trattandoli da adulti confidenti

Cosa ne pensate? Riuscite a mettere in pratica i nostri suggerimenti? Quali sono le fatiche maggiori che riscontrate?

E se mio figlio scopre che Babbo Natale non esiste?

Babbo Natale

Capita che quando i bambini iniziano a frequentare la scuola elementare spesso incontrano altri compagni “più scafati” che sono già a conoscenza della natura di Babbo Natale. I bambini più naif all’inizio tendono a negare, ma con il tempo si lasciano convincere dall’evidenza e sono costretti a riconoscere la cruda realtà. Cosa possono fare in questi momenti i genitori? Innanzitutto, sappiate che i bambini possono essere un po’ amareggiati, ma di certo sono gli adulti ad essere più preoccupati all’idea che la magia del Natale possa svanire all’improvviso. In realtà questo timore dei grandi cela una paura meno consapevole del fatto che i loro figli stanno crescendo e prima o poi voleranno via dal loro nido. Ma questo succederà solo fra molto tempo, non preoccupatevi ora! Quello che fa sorridere è che sono i bambini stessi a non volerci deludere ammettendo di sapere la verità e continuano a farci pensare di non sapere nulla a riguardo!

Tuttavia, dopo averli rassicurati sul fatto che si tratta di un simbolo dell’amore dei genitori nei confronti dei figli, possiamo anche coinvolgerli nel trasmettere comunque questa credenza un pò magica ai più piccoli affinché si sentano grandi e responsabilizzati.

Per tutti quelli che invece credono ancora un pochino in questa magia, vi aspettiamo giovedì 12 Dicembre alle 16,45 presso il Cobaby di Piano C, in Via S. D’Orsenigo, 18 a Milano. Pare che verso le 17 un puntualissimo signore vestito di rosso venga a farci degli auguri speciali.. (l‘ingresso è libero, ma prenotatevi all’indirizzo mail: info@mammechefatica.it)

MammeCheFatica consiglia il libro di Massimo Gramellini

 

Edito da Longanesi, “Fai bei sogni” è un bel libro che consigliamo a tutti i genitori che hanno a che fare con la difficoltà di comunicare una verità complicata ai propri figli e che quindi preferiscono nasconderla.

di cosa tratta: Gramellini parla di un uomo, in dialogo costante con il sé bambino, che si è trovato a dover fronteggiare precocemente un’esperienza dolorosa che gli ha causato notevoli sofferenze. Il padre del protagonista nasconde la verità al figlio pensando di difenderlo dal trauma che invece lo indurrà, inevitabilmente, a colmare quella mancanza in tutti i modi possibili. Oltre a questo si parla di passione per il calcio, per il giornalismo e per le donne.

perchè ne parliamo: Mammechefatica lo approva. si tratta di un libro emotivamente intenso che spiega brillantemente quanto sia importante comunicare in modo sincero ai propri figli.

a chi è consigliato: a tutti i genitori che vorrebbero “poter dire” ai loro figli ma forse non vogliono o non se la sentono.