La giornata antispreco spiegata ai bambini

 

La giornata antispreco non dovrebbe essere una ricorrenza, bensì un principio da seguire con metodo ogni giorno, e se possibile, da trasmettere anche ai piu’ piccoli perché possano imparare fin da subito ed essere un domani cittadini consapevoli. Imparare a non buttare via, il cibo in primis, dal nostro punto di vista è un’ottima dote. Tante volte i bambini avanzano l’ultimo boccone, o arrivano fino a metà pappa e poi si disinteressano al cibo proposto. Molto spesso basterebbe insistere con dolcezza e abituarli a finire tutto come si faceva un tempo, quando ovviamente non essendoci troppa scelta era anche più semplice e scontato non sprecare nulla e recuperare tutto. Abituarli anche a scuola e all’ asilo a prestare attenzione ci sembra un atteggiamento saggio e doveroso; se poi questi concetti si apprendono in tenera età, diventano dei gesti automatici e naturali. I bambini ne capiscono l’importanza e il valore solo se hanno dagli adulti che mostrano interesse verso questo tema antispreco e in generale verso il mondo che abitiamo.

 

 

 

I nonni: preziosa risorsa

I nonni costituiscono un valido aiuto nella gestione dei nipotini, in particolare se piccoli. Sono una risorsa preziosa e contribuiscono alla gestione della famiglia come possono. Dal nostro punto di vista psicopedagogico è importante e saggio definire i compiti e in che cosa possono contribuire onde evitare fastidiose invasioni di campo che creano scompiglio in famiglia. Molto spesso i genitori rivendicano ai nonni di viziare troppo i nipotini o concedere loro troppe cose ma i nonni, non devono occuparsi della gestione pedagogica, piuttosto hanno il piacevole compito di tramandare il senso delle tradizioni, di raccontare il loro vissuto e di giocare con i nipotini e leggere loro tante storie. I nonni mirano al lato ludico, al piacere di vedere crescere i figli dei loro figli e offrono alla nuova famiglia un aiuto notevole anche dal punto di vista economico! Non sono di corsa, hanno un rapporto con il tempo più equilibrato e hanno aspettative diverse da quelle dei genitori.

A tutti i nonni che conosciamo e abbiamo incontrato in questi anni va tutto il nostro riconoscimento!

 

Il tempo con i Nonni…

MammeCheFatica dedica questo post ai Nonni. Al loro tempo trascorso con i loro nipotini. A tutti quei momenti preziosi in cui riescono magicamente a venire in aiuto. I nonni, rappresentano un valore fondamentale per la famiglia. Hanno il compito di tramandare le proprie origini e di raccontare così il tempo vissuto in una modalita’ tutta loro che i nipoti sanno apprezzare e condividere implicitamente.

I nonni di solito non hanno la funzione educativa e di conseguenza trascorrono il tempo con i nipoti in modo più rilassato rispetto ai loro figli ad esempio, anche se suggeriamo sempre di porre dei limiti e delle regole condivise per fare in modo che i piccoli non se ne approfittino! Ogni tanto è giusto sgarrare, ma solitamente è importante ascoltare e farsi rispettare reciprocamente dal proprio nipotino, indipendentemente dall’età. (Tanti nonni fanno i salti mortali per assecondare il piccolo, non farlo piangere, e cercare in tutti i modi di offrigli tutto ciò che desidera..) Per stare bene e trascorrere insieme un buon tempo crediamo sia fondamentale sintonizzarsi sui bisogni del piccolo osservandolo e contribuendo in modo attivo alla sua crescita.

 

Le fatiche dell’educare…

 

L’Educazione è un tema assai caro a MammeCheFatica…ma sempre più complesso e talvolta difficile da gestire. in particolare in questo delicato periodo storico,in cui vi è una grande crisi di valori generale che inevitabilmente penetra e sconfina anche in ambito socio-educativo.

Educare, che proviene dal latino e significa tirar fuori, è un verbo molto importante che talvolta tutti trascuriamo. Perché  il gesto dell’educare lo si ritrova non solo nelle istituzioni scolastiche o negli asili ma anche a casa, nella quotidianità e nelle relazioni che stabiliamo. Siamo tutti soggetti educanti e con delle responsabilità nei confronti dei piccoli.

“Stimolare la vita, lasciandola però libera di svilupparsi, ecco il primo dovere dell’educatore”. Son sempre attuali le parole di Maria Montessori nel suo libro “Educare alla Libertà” (ed. Oscar Mondadori, euro 7).

 

 

Il messaggio del Natale

 

Al di là del significato religioso, il Natale rappresenta un momento speciale per tutti i bambini, appartenenti a famiglie credenti e non. E’ senz’altro un momento di vacanza, di festa, in cui la famiglia allargata si riunisce, magari dopo tanti mesi passati senza vedersi. proponiamo ai più piccoli di preparare il menù scritto, se sanno già scrivere, o disegnare dei segnaposti per tutti gli invitati. Utilizziamo i loro centro tavola costruiti con amore all’asilo o a scuola e coinvolgiamoli nell’ apparecchiare.

Sfruttiamo questo momento per trasmettere anche ai più piccoli dei valori importanti di amore, calore, ma anche di fratellanza e solidarietà con chi è più debole. Non focalizziamoci sui regali e sull’aspetto consumistico della festività, quello che conta davvero sono la famiglia riunita di fronte ad una tavola apparecchiata con amore.

Perchè essere genitori è così difficile?

 

Mammechefatica si interroga insieme a voi sul perchè la maternità e la paternità al giorno d’oggi siano un’esperienza o meglio una dimensione così difficile e complicata da vivere.

E come mai, pur essendo bombardati da mille teorie educative,metodi,libri e media, abbiamo e avremo sempre un dubbio dal punto di vista pratico sul “come fare a…..?”

I genitori sono rimasti soli nella relazione coi figli privati di quel mandato sociale che ci chiedeva di formare buoni cittadini trasmettendo loro i valori tradizionali come sostiene G.Pietropoli Charmet (presidente Ist. Il Minotauro, Milano) poichè l’educazione ha cominciato ad essere molto centrata sugli affetti e poco sui valori condivisi”.

Ecco aumentare quella sensazione di smarrimento, dato anche dal senso di solitudine e disorientamento a livello sociale. Le famiglie hanno bisogno quindi  di spazi e tempi per poter condividere determinate esperienze con  e per i propri figli.

Siete d’accordo?