La scuola materna..non è come il nido..

La scuola materna? Non è come l’asilo nido.. È un ambiente più ampio che mette a dura prova i piccoli treenni, che nel primo periodo devono confrontarsi con la grande novità. Non sempre si tratta di un passaggio facile e immediato nonostante la preparazione mentale svolta durante l’estate. Il rapporto con le nuove maestre, i nuovi compagni di gioco, le nuove regole di convivenza, per non parlare dei saluti e dei distacchi dalle figure primarie (mamma e papà). Se al nido tutto ciò sembrava assodato, può capitare che si debba fare un’elaborazione ulteriore, nonostante sia trascorso già del tempo dall’inizio di Settembre. Probabilmente due mesi non sono sufficienti per una completa sintonizzazione tra il bambino e l’ambiente. Proviamo a vedere sul piano pratico invece come fare:

– non parliamo sempre della scuola, ed evitiamo di chiedere “Come e’andata oggi?” Piuttosto raccontiamo al bambino la nostra giornata e le nostre difficoltà. Sarà più semplice per lui organizzare un discorso, ed è utile per capire che anche i grandi hanno le loro difficoltà con le quali confrontarsi

– cerchiamo di capire dai racconti e con la collaborazione preziosa delle Maestre cosa effettivamente non piace al bambino. (Sappiamo che di solito una cosa non piace al bambino quando non è al centro dell’attenzione,o quando non riesce come gli altri, o quando ha delle aspettative che non è in grado di soddisfare)

– trasformiamo in situazione positiva il/i momento/i  descritti come brutti e insopportabili facendo capire che è capitato anche a noi quando eravamo all’asilo ai tempi..

– utilizziamo il gioco come chiave di lettura e di cambiamento: perché non creare un gioco dell’oca sull’asilo o il lavoro e ogni sera lanciare il dado? (Non concentratevi sul gioco e la sua struttura, ma su quanto può restituire Fiducia e Sicurezza al vostro bambino)

Non mollate e tenete duro anche nei momenti di maggiore sconforto. I cambiamenti richiedono tempo..

Scuola dell’infanzia: il difficile passaggio

Questo post è dedicato specialmente ai piccoli (che però si sentono grandi ma entrando nella nuova scuola di nuovo piccoli) e alle loro mamme che insieme devono affrontare un forte cambiamento: l’ingresso e l’ambientamento in una nuova scuola: completamente diversa dal nido, con spazi molto grandi in cui è facile perdere l’orientamento e il controllo della situazione. Come fare dunque ad affrontare al meglio l’inserimento? Vediamolo insieme.In primo luogo raccontate e verbalizzate al bambino la sua giornata. “Ti ricordi stamattina? C’erano tanti bimbi che come te non volevano entrare in classe e staccarsi dalla mamma. Poi però abbiamo osservato insieme i più grandi che giocavano, sai che anche loro hanno pianto tanto quando erano nuovi? Poi col passare dei giorni hanno pianto un po’ meno e poi ancora meno e poi solo una lacrima e poi tanti sorrisi e poi nuove lacrime ma diverse perché piene di fiducia e non più di paura”.

  • Anziché spronarlo a tutti i costi ad inserirsi nel gruppo, accogliete il suo bisogno di stare in braccio e dopo un po’ sarà lui a sentirsi più sicuro ad affrontare il distacco da voi
  • Cercate di mantenere un atteggiamento coerente (sappiamo bene quanto sia difficile in questi momenti) ma è fondamentale se vogliamo essere d’aiuto al nostro bambino.
  • Osservate col passare dei giorni insieme alle Maestre se vi sono anche solo dei piccoli miglioramenti e condivideteli col vostro bambino.
  • Fidatevi e date tempo a tutti: alle nuove maestre, al vostro piccolo e a voi stessi. Lentamente e insieme alla ricerca di un nuovo equilibrio.

 

 

 

Via il pannolino! Sì, ma il water fa paura..

Quando arriva il bel tempo e le giornate d’estate, si sa, i genitori previdenti iniziano ad insegnare ai bambini a controllare gli sfinteri in vista del passaggio alla scuola materna previsto per Settembre. Ma come evitare le “battaglie” per togliere il pannolino e far provare ai bambini il vasino o il water? Una soluzione magica, che vada bene per tutti, purtroppo, non esiste, ma proviamo a darvi qualche suggerimento per rendere la situazione meno problematica possibile:

-presentare la novità come un gioco, non un’imposizione

-scegliere un periodo di tranquillità e spensieratezza, non in concomitanza con episodi particolari (quali la nascita di un fratellino, un trasloco, una malattia o una separazione)

-non insistere se il bambino sembra spaventato o non pronto al passaggio

-non parlare delle sue eventuali diffcioltà con altri adulti davanti a lui

-non fare confronti con fratelli/amici

-non avere troppe ansie da prestazione: il bambino lo sente e si irrigidisce

Tutti attraversano questo momento di passaggio, chi con facilità, chi con qualche inciampo: siamo tutti diversi! L’importante è che gli adulti intorno al bambino lo facciano sentire accolto in ogni caso. In bocca  al lupo!

Scuola Dadà..ecco le novità..

20140423_logo_dadaContinua la collaborazione con la Scuola Dadà di Milano che ha al suo interno un piccolo nido che ospita 15 bambini (0-18 mesi), una sezione primavera bilingue (20-36 mesi) e una scuola materna bilingue ( 3-6 anni) appena inaugurata a Settembre! Sono tantissime le iniziative che propone la Dott.ssa Anna Podestà, pedagogista e tiitolare delle strutture, da anni impegnata nel settore della Prima Infanzia. Tante le proposte anche con i corsi pomeridiani di arte, danza e sport per i bambini anche esterni alla scuola. Possibilità di affittare un ulteriore spazio di 300 mq per feste di compleanno-vernissage-presentazioni-eventi.

Della Scuola Dadà ci piace il clima familiare che si respira nelle varie sezioni, la semplicità e il mestiere del fare educativo per cui ci si rimette sempre in discussione per migliorare e crescere da tutti i punti di vista. Nella nuova sezione di scuola materna i bambini hanno la preziosa occasione di ascoltare e ripetere giocando e senza sforzi la lingua inglese.

La Scuola Dadà è una struttura particolarmente flessibile e si adatta molto alle esigenze delle singole mamme. Anna sarà felice di accogliervi e di illustrarvi di persona la metodologia della Scuola Dadà.

Scuola Dadà: via G.Giacomo Mora 22

tel. 366-7091314

nido.dada@libero.it

Asilo Nido-Sezione Primavera-Scuola Materna

Piccolo Nido I Nanetti – affiliato alla Scuola Dadà

MammeCheFatica ha conosciuto l’asilo Dadà…

 

Mammechefatica è andata a conoscere un asilo nido che presto diventerà anche una micro materna a Milano.

Ci è piaciuta l’atmosfera familiare e semplice e l’intento di puntare sui contenuti attraverso attività mirate tra cui la lingua inglese e l’approccio informatico fin da picccoli.

Se per caso siete alla ricerca di una piccola struttura che acoglie bambini (max 20) dai 3 ai 6 anni andate a conoscere l’asilo Dadà, Anna sarà contenta di spiegarvi il funzionamento dell’asilo, la metodologia e le attività!

Il micro nido Dadà e la micro materna sono a Milano in via G.Giacomo Mora, 22 (zona centro)

Il giorno 16 Novembre, alle 17.30 ci sarà una riunione in cui verrà spiegata la programmazione della nuova struttura che aprirà a Gennaio 2013.

vi lasciamo i contatti: Anna, 346-6012758 per il nido e 366-7091314 per la materna

A presto!

Perché per mio figlio tutto “è mio!” ?

 

Da un anno in poi i bambini incominciano a pretendere che tutto ciò che li circonda sia soltanto di loro proprietà perché pensano davvero di essere i “padroni del mondo”. Questa fase di onnipotenza viene attraversata da tutti perciò è inutile preoccuparsi. Più avanti, invece, il motivo di questa frequente esclamazione si riferisce alla necessità, anche questa fisiologica e vitale, di affermarsi e di sperimentare la propria forza distinguendo se stessi dagli altri.
Come si possono comportare gli adulti? Senz’altro dando un esempio concreto e positivo di altruismo e condivisione. Ma anche spiegando con parole semplici e non colpevolizzanti che non può essere tutto loro, che si deve dire “Per favore” e “Grazie” e usarle come “parole magiche”. L’acquisizione di queste regole tuttavia è un processo lungo che in genere si conclude all’inizio della scuola materna.