Come insegnare la calma al mio bambino?

 

Capita a tutti – dai siamo sinceri – avere a che fare con dei momenti o delle fasi di turbolenzacon i bambini specie se piccoli. Come insegnare e trasmettere loro un atteggiamento di calma soprattutto dopo la tempesta? Non sembra ma è fondamentale mostrare loro un comportamento il più possibile tranquillo e sereno per far capire che poi è possibile riprendersi e uscire da questa sensazione di possibile rabbia,sconforto, delusione,frustrazione ecc. In questi lunghi anni abbiamo incontrato tantissimi e diversissimi modi di affrontare il conflitto, il capriccio e la crisi con il proprio bambino. Di sicuro la modalità punitiva non serve e soprattutto non contribuisce per nulla ad ottenere ciò che probabilmente l’adulto vorrebbe. Investite piuttosto tempo ed energie per un buon dialogo (vale per tutte le fasi di crescita) accompagnato da esempi pratici e concreti se i bambini sono piccoli: 

  • prendete un orsacchiotto,una bambola, un dinosauro  o quello che avete a disposizione e  provate a fare dire a quest’ultimo il motivo del disagio, del capriccio o della sfida in atto: giocateci su, fate voci nuove anche un po’ arrabbiate e osservate lo stupore del vostro piccolo osservatore
  • provate a creare insieme il barattolo della calma per riportare un senso di armonia e di equilibrio: basta poco: un barattolo, dei brillantini ad esempio e un po’ di acqua. Per il bambino il gesto di agitare il barattolo è un modo per concentrarsi e focalizzare le sue energie piuttosto che disperderle nell’aria con la voce senza senso
  • fermiamoci a pensare un attimo: è un messaggio rivolto ai più grandi (3-5 anni) dove vi è maggior margine di ragionamento. Attenzione: aiutare a formulare un ragionamento significa guidare il bambino evitando la modalità giudicante e ponendo sempre l’attenzione verso l’atteggiamento/comportamento e mai verso il bambino stesso
  • continuate a seminare limitando le vostre aspettative: prima o poi arriveranno anche i frutti del vostro lungo e affascinante lavoro in vista di un bambino che poi diventerà un preadolescente e che poi diventerà un giovane adulto con un suo pensiero sempre in crescita e sempre in divenire

I bambini danesi sono più felici

libro

I bambini danesi sono davvero i più felici? Secondo un lungo studio durato 10 anni sembra proprio di sì. Vediamo come mai: In primo luogo pare che i bambini danesi vivano il tempo libero in modo diverso dai nostri. Stanno all’aria aperta (sempre e comunque) e sono abituati fin da piccoli a giocare (anche senza niente) e in gruppo anche con bambini di diverse età. Perchè poter giocare tanto aumenta la creatività e la fantasia e aiuta il bambino a scoprire e affrontare la dimensione della noia in modo più costruttivo. A scuola i bambini vengono valorizzati a prescindere, al di là del risultato ottenuto.Questa modalità andrebbe applicata da tutte le culture poichè offre un grande sostegno e aumenta il senso di fiducia del bambino e dell’adulto che diventerà. I genitori sono importanti per la crescita e lo sviluppo psicofisico del piccolo ma spronano all’autonomia e all’indipendenza senza lodare all’infinito il bambino anche quando sta compiendo qualcosa di assolutamente normale. Il bambino va seguito e sostenuto in modo concreto mediante l’esempio e il dialogo costante. L’affetto, la condivisione, il continuo gioco di squadra e la famiglia sono tutti elementi preziosi che arricchiscono l’animo secondo gli autori.

Il libro ci è piaciuto perchè: offre uno spaccato di Danimarca positivo e costruttivo che ci mostra come affrontare in semplicità anche le paure più grandi senza dover nascondere o mimetizzare le proprie fragilità e insicurezze. Strumento utile e consigliato per i genitori e gli insegnanti.

Le prime pappe

pappeLe prime pappe costituiscono un passaggio fondamentale nella vita del bambino. Passare dal latte/seno materno ai cibi solidi rappresenta un momento di passaggio e di crescita molto importante dal punto di vista psicopedagogico. Per questo motivo vi invitiamo a dedicare il giusto tempo per questo nuovo rituale da compiere insieme. Ci teniamo a sottolineare che il piccolo deve avere la possibilita’ di conoscere i cibi proposti attraverso

l’ esplorazione tattile. In questo senso il ‘paciugare’ con le manine e lo sporcarsi assumono un forte rilievo. Alcuni bambini apprezzano fin da subito, altri invece necessitano di qualche giorno per familiarizzare con le nuove scoperte.

Il nostro atteggiamento e’ significativo: se l’ adulto si propone in modo calmo e sereno e non si dispera immediatamente il piccolo reagira’ di conseguenza e apparirà sicuramente più rilassato e disponibile emotivamente ad assaggiare. Non preoccupatevi se dovesse rifiutare prima la merenda o la pappa: ricordiamoci il cambiamento che sta attraversando e cerchiamo di verbalizzarlo con il supporto della nostra voce narrante.

 

Happy new year…

buon annoSemplicemente Buon Anno a tutti voi…che con determinazione e pazienza continuate a seguirci e a darci la carica per osare strade nuove!

Grazie per la fiducia e la stima, qui siamo pronte per ripartire e iniziare alla grande con tanti progetti vecchi e nuovi…continueremo con gli incontri a tema rivolti ai genitori tra Milano e Roma, le consulenze in azienda, non mancheranno i laboratori creativi e i momenti di gioco con i vostri bambini, i corsi formativi dedicati alle tate e baby sitter…da Gennaio seguiremo altri asili e scuole materne in varie città’ oltre Milano e Roma…l’avventura psicopedagogica diventa sempre piu’ stimolante e complessa!!!

Vi aspettiamo!

Partecipate, condividete, scriveteci sempre!

Un buon anno sereno con i vostri bambini!

Che fatica organizzare una festa di compleanno!

 

Certo, perchè noi pensiamo che il bambino abbia bisogno di un party esclusivo in un locale da sogno con decorazioni e torta a tema, giochi stratosferici, tanti invitati e milioni di regali. Invece i bambini, soprattutto se piccoli, si divertono maggiormente se coinvolti in giochi dinamici sì, ma semplici e creativi. Non è necessario affittare uno spazio apposta di 300 mq, basta la sua cameretta e qualche invitato a cui è molto legato. Anche su i regali e il buffet si può senz’altro risparmiare: vostro figlio sarà comunque felice e soddisfatto. Quanti festeggiati avete visto con il broncio, il desiderio di fuga e l’ansia da prestazione? Moltissimi senz’altro perché gli adulti tendono a caricare di aspettative altissime i propri figli dimenticandosi la cosa più importante: la serenità per aver trascorso un pomeriggio da ricordare. Non è solo una questione di “vizio”, ma anche di educazione scorretta che non tien conto dei veri bisogni di un bambino cioè di sentirsi amato e accolto. MammeCheFatica vi suggerisce, quindi, per esperienza, di evitare di ricordare di continuo ai bambini che il giorno della sua festa si sta avvicinando perchè si sta solo proiettando su di lui le proprie angosce..viviamocela con serenità!.

Detto questo, buon divertimento a tutti!!!!

E se mio figlio scopre che Babbo Natale non esiste??

 

Prima o poi tutti i bambini si fanno domande sull’esistenza reale di Babbo Natale e chiederanno ai loro genitori maggiori dettagli finchè non capiranno la verità. Non c’è una reazione uguale per tutti, ovviamente, essendo i bambini diversi fra loro, ma, generalmente, il bambino (anhe se già grandicello) avverte una strana emozione mista tra la delusione e l’orgoglio di essere cresciuto e aver scoperto “l’imbroglio”. Cosa possono fare i genitori? Se non c’è alcuna possibilità che il bambino rimanga nel’incertezza, allora raccontiamogli la verità con calma e serenità. Facciamolo sentire grande, responsabilizzandolo: “Mi raccomando, non dirlo ai bimbi più piccoli di te che ancora ci credono!”. allo stesso tempo spieghiamogli che quello che conta è l’atmosfera del Natale: condividere un momento magico con le persone a cui si vuole più bene!

Mamma, che sonno!! (parte I)

 

I bambini anche molto piccoli sono sensibili alle sensazioni e alle emozioni dell’ambiente che li circonda, come se registrassero lo stato di serenità o di  tensione familiare.
È normale, dunque, che tutto ciò che si verifica durante la giornata si rifletta sul sonno e sui sogni. Se il clima che respira in famiglia non è rilassato, gli sarà più faticoso addormentarsi e sognare bene. Se invece il bambino dorme “troppo” può dipendere dal suo ritmo biologico o da una fase evolutiva particolare che sta attraversando in quel momento.
Situazioni specifiche che in qualche modo interferiscono con il sonno del bambino sono:

  • la crescita dei dentini;
  • lo svezzamento;
  • le visite pediatriche;
  • le vaccinazioni;
  • la nascita di un fratellino;
  • l’inserimento al nido;
  • alla materna;
  • un trasloco…ma anche le vacanze.

Come fare quindi se si sveglia nel cuore della notte piangendo?
L’unica soluzione è quella di consolarlo, rassicurarlo sulle sue paure, di giorno stargli  vicino, giocare con lui e parlargli in modo adeguato all’età per stemperare le ansie.