Le fatiche educative..

E’ tanto tempo che non scriviamo per le Educatrici e per tutti coloro che dell’Educazione ne fanno un lavoro o meglio un mestiere. Ci piace utilizzare il termine mestiere perché contiene quell’aspetto artigianale che deve essere recuperato e valorizzato da tutti. Un pensiero quindi va alle Educatrici e Maestre che ci seguono che in questa ultima parte dell’anno devono raccogliere le energie per continuare il percorso iniziato. Di seguito qualche suggerimento:

– fate attenzione alla vostra voce: solitamente quando si è stanchi si tende ad alzarla e ad irrigidirsi perdendo la voglia di scherzare e giocare con i bambini

– imparare a contenere la propria fatica e impegnarsi per creare una buona atmosfera

– pensare e ripensare ai momenti significativi dell’anno vissuto insieme

–  saper recuperare il sentimento di curiosità e voglia di migliorarsi: il confronto e la condivisione in ambito educativo sono strumenti fondamentali

Come diceva Maria Montessori “l’educatore è un raggio di luce” che deve riuscire ad incantare i suoi bambini. E voi come vi sentite?

 

 

Troppa ansia…

Essere genitori non è un ruolo semplice soprattutto di questi tempi. Immaginare di lasciare il proprio bambino in posti nuovi o con altre persone suscita sempre delle domande interiori molto forti del tipo:” riusciranno gli altri ad intuire ciò di cui avrà bisogno?” “Ce la farà a stare senza di me?”. Sono tutti pensieri che un genitore (spesso la madre) fa inevitabilmente. L’aspetto importante è cercare di contenere l’ansia e non farla trasparire quando non è necessario. A volte basta ascoltarsi quando parliamo con i bambini e capire quanta ansia trapela dalle nostre ripetizioni..Ricordiamo che ai piccoli servono gli esempi e i gesti concreti dei genitori che valgono più di mille parole e che si porteranno con sé da adulti.

Proviamoci insieme.

 

Il tono della voce..

Che tono utilizzare con i bambini piccoli? Sarebbe meglio un tono di voce basso, in grado di emanare tranquillità e infondere fiducia. Tenendo sempre un tono di questo tipo, i bambini si abituano di conseguenza e intuiscono che non serve urlare o alzare la voce per farsi notare o imporre le proprie idee. Quando state con i vostri bambini vi suggeriamo di offrirgli delle cose da fare onde evitare di avere un tono troppo ansiogeno nei loro confronti. Anche se sono piccoli devono avere a disposizione uno spazio e un tempo in cui imparano a giocare in modo autonomo (con il proprio corpo, la propria voce, ad esempio) e senza la presenza assillante dell’ adulto. Tante volte siamo noi a non volerli lasciare fare…no?! Eppure il compito di ogni genitore secondo un proverbio canadese consiste proprio nel dare le ali per volare e le radici per restare saldi…sta all’ adulto trovare un giusto equilibrio.

Possiamo garantire per esperienza che parlare ai piccoli in modo calmo e rassicurante è più efficiente che urlare o sfidarli con minacce poco coerenti. Quindi sottovoce vi diciamo: “Forzaaa proviamoci tutti!!!!”

 

Viaggiare in aereo o in treno con i piccoli..

bambini in aereoGiorni di partenze questi..tanti di voi saranno gia’ arrivati a destinazione, altre famiglie staranno per iniziare le vacanze con i loro piccoli, magari per la prima volta! Vediamo insieme come fare a rendere il viaggio il più accomodante e rilassante non solo per il bambino ma anche per i suoi genitori o accompagnatori, perché come sosteniamo sempre se la figura di riferimento (in particolare quella materna) ha un atteggiamento tranquillo e rassicurante il bambino di conseguenza appare piu’ sereno e in grado di sostenere meglio il ritmo del viaggio specie se di lungo raggio.

Prima di partire invitiamo i genitori a portare con se’ lo stretto indispensabile. Non serve una valigia piena di giochi! Se dovessimo stilare una sorta di lista MammeCheFatica includerebbe:

– ciuccio/biberon/necessario per il cambio/merenda o latte

– telo di cotone sul quale sdraiare il piccolo

– un piccolo sonaglio e doudou per la nanna

– fogli e pastelli o matite per disegnare (dai 24 mesi in su)

– un pupazzo o peluche che puo’ essere apprezzato dal piccolo

– Tanta pazienza e poca ansia da genitore perfetto: in caso di pianto o capricci siate fermi e  decisi. Non fatevi prendere dal panico e non guardate gli sguardi altrui. Cercate di ricomporre un’ atmosfera serena e rilassata nella quale poter far addormentare il vostro bambino. Se siete in aereo o in treno provate se concesso ad alzarvi e ninnarlo avanti e indietro. Se allattate il piccolo dategli pure il seno nel momento del decollo e’ consigliato per distenderlo e rilassarlo e fare in modo che non percepisca troppa tensione.

– parlate, raccontate e cantate tenendo un tono di voce bassa: rilassa, non disturba (avete mai provato ad ascoltarvi mentre vi relazionate con un bambino?!) e aiuta a tenere alta la concentrazione.

-approfittatene anche voi: quando dorme, schiacciate un pisolino anche voi e il viaggio sembrera’ piu’ facile e semplice da gestire.

Buon Viaggio a tutti voi e…take it easy!!!!!!